Note a margine su una ipotesi di fusione tra Studi

Note a margine su una ipotesi di fusione tra Studi

Il nostro Studio ha ricevuto recentemente una interessante proposta di fusione con altri studi professionali. Non è la prima volta, anzi, ultimamente ne stiamo ricevendo diverse a dimostrazione che:

  • Il nostro Studio viene ritenuto non solo dai clienti (fortunatamente) ma anche dal mondo professionale (ci lusinga doppiamente vista l’alta competenza tecnica degli interlocutori) una realtà interessante ed affidabile;
  • Il tema della “dimensione” aziendale è un tema forte da affrontare con obiettività e coraggio.

Come in un ideale zibaldone butto giù qualche riflessione (più ad uso interno e che quindi al lettore più attento potrà risultare incompleta e/o banale) che non ha pretese di rivelare alcun chè ma semmai di costituire l’ossatura per una prima check list. Molti dei temi qui abbozzati derivano dalla mia esperienza professionale sull’ M&A aziendale e quindi sono concetti banalmente utilizzabili anche per fusioni tra imprese e da li mutuati.

Riordinare le idee mi è utile anche in previsione di una prossima tavola rotonda sul futuro della professione che dovrebbe essere organizzata dall’Ordine di Milano in cui proverò a portare qualche idea in un aperto e curioso confronto.

Lo scenario

Il settore della consulenza alle imprese è in forte trasformazione. Una veloce analisi di quanto avviene nel settore bancario può dare una idea di quanto accadrà anche nel nostro settore. Nei prossimi anni aumenterà il bisogno di consulenza di valore mentre le attività ordinarie (contabilità, dichiarazioni, ecc) dovrebbero venire maggiormente automatizzate. I tempi ed i modi dipendono dal mercato (bene) ma purtroppo anche dalla Pubblica Amministrazione e dalle normetive fiscali e di settore (purtroppo). Il rischio è rimanere a lungo a metà del guado e non riuscire ad avere una previsione affidabile di quanto accadrà.

Sicuramente il cambiamento sarà profondissimo e ci auguriamo veloce. Siamo convinti che il futuro valorizzerà le nostre competenze e ci aiuterà a risolvere qualche complessità organizzativa che subiamo da una legislazione non sempre a favore di impresa. Siamo ottimisti anche se sappiamo che il percorso sarà faticoso.

La nostra dimensione “variabile”

Oggi il nostro Studio ha un perimetro organizzativo variabile, comprendendo anche uno studio legale ed un paio di studio commerciali con cui collaboriamo da anni in network, che ci consente di adattare la nostra dimensione in maniera flessibile al mercato. Ci consente di essere molto veloci e reattivi, anche se indubbiamente ci costa fatica. La nostra dimensione di Studio dovrà crescere? Probabilmente, ci stiamo lavorando per linee interne (anche quest’anno abbiano inserito una nuova bravissima risorsa) e forse potremmo pensare ad altre soluzioni più strutturate ma solo sulla base di un progetto chiaro e su uno scenario di mercato condiviso. Probabilmente nel breve sarà necessario strutturare e formalizzare maggiormente le relazioni con il network.

È necessario imparare a star composti a tavola

Molto spesso iniziare un percorso verso una fusione significa per quanto mi riguarda, come dico spesso, “imparare a star composti a tavola”. Saper offrire un buon servizio non necessariamente significa essere capaci di integrarsi facilmente con altre strutture professionali. Questa è una sfida che da tempo ci poniamo, su cui abbiamo lavorato parecchio (mai abbastanza) e su cui c’è ancora molto da fare. La strada però è segnata (lavoriamo integrati in un network professionale da sempre e fa parte del nostro DNA di Studio) e condivisa. E’ un importante fattore di attrattività del nostro Studio.

Identità e progetto

Il nostro Studio ha una identità forte. Entrare a far parte di una struttura più ampia è possibile e vantaggioso se e solo se il progetto sarà altrettanto forte ed innovativo. Ricordo le prime lezioni in Bocconi a parlare di ASA (aree strategiche di affari). Sorridendo idealmente riapro gli appunti di venticinque anni fa e li ritrascrivo qui:

  • Quale cliente ideale?
  • Quali servizi/prodotti? Come industrializzarne i processi? Come proporre le competenze?
  • Quali mercati?
  • Quali tecnologie?
  • Quale area geografica servire?

Non è facile ridefinire un progetto coerente basato su uno scenario di mercato instabile ma è straordinariamente avvincente. Di certo entro pochi anni le leve competitive saranno differenti e dovremo essere capaci di calvalcarle. Una sfida che mi appassiona moltissimo.

Idealmente si tratta di lavorare alla creazione di una startup di servizi professionali. Un lavoro non banale e tutt’altro che facile e veloce.

Cultura aziendale e resistenze organizzative

In tutte le fusioni è necessario inoltre analizzare con attenzione la componente culturale aziendale, l’individualismo, la capacità di lavorare ad un progetto di lungo periodo. Temi da non sottovalutare e da affrontare con la giusta attenzione.

Sede fisica

Come deve essere strutturata una sede fisica? Quanto conta? Dove? Quali valori deve far trasparire?

La risposta è che conta ma che deve essere coerente alla proposta di servizio, alla tipologia di cliente ed alle modalità di erogazione (quanto lavoriamo dal cliente e quanto lui viene da noi?).

Ricordo una interessante conversazione con Giuseppe laScala, fondatore dell’importante studio legale, sul tema a margine di un bel convegno organizzato da loro lo scorso anno. Certamente oggi le nuove tecnologie ci aiutano moltissimo. Paradossalmente ormai (estremizzo ma non troppo) i limiti dell’area geografica di riferimento sono più un problema di banda.

Struttura giuridica

Un tema complesso che menziono solo per evidenziare l’inadeguatezza degli attuali modelli giuridici.

Iscriviti alla nostra newsletter

Conferenza su vivere e lavorare nell’era digitale

Conferenza su vivere e lavorare nell’era digitale

Due ore dedicate al vivere contemporaneo, cercando di capire dove sta il meglio (e il peggio) del digitale. La conferenza sarà coordinata da Paolo Spada, curatore dell’academy (filosofo e digital strategist), con interventi di Leopoldo Caggiano (regista),  Francesco Faraci (fotografo),  Raul Montanari (scrittore), Andrea Arrigo Panato (Econopoly de ilSole24Ore), Carlo Rinaldi (Microsoft), Lorenzo Viscanti (Mapendo) Riccarda Zezza (MAAM).

Di cosa parlerò nel mio breve intervento

“Eppure se non gridi ed ascolti, se sei curioso e non giudichi questi social ti permettono di bere bene in compagnia di persone che hanno tanta storia: attori e finanzieri, consulenti ed imprenditori, scrittori e sommelier…”

Dove e quando

Giovedì 9 febbraio alle ore 16 presso Confcommercio, corso Venezia 47, Milano. La conferenza durerà due ore e trenta, dalle 16 alle 18:30, e sarà seguita da un buffet

Gli altri argomenti trattati:

  • Lo spazio digitale, cos’è, dove inizia e dove finisce, il nuovo modo di vivere interconnessi
  • Gli strumenti a disposizione e come usarli bene
  • Buone e cattive pratiche, il lato bello e cattivo del web
  • La fotografia e l’immagine come codice contemporaneo
  • La scrittura, e la rete
  • I nuovi spazi digitali per cinema, documentari e cortometraggi
  • L’uso di blog e social media per l’attività professionale
  • Cosa è una communità, come si forma, con un esempio molto particolare di successo
  • Lavori nuovi, nati grazie a Internet

Per saperne di più

Per maggiori informazioni su “Vivere e lavorare nell’era digitale”.

Iscriviti e resta aggiornato!

 

Arrivederci

Archivio, con la lettera che trovate riportata qui sotto ed indirizzata agli autori, quasi quattro anni da coordinatore scientifico di MySolutionPost e credo quasi il doppio come autore di Cesi (L’editore).

Un bel progetto che vede la fine almeno per come l’avevo concepito.

Lettera scritta per gli autori, ormai amici direi, ma che credo possa essere indirizzata anche ai molti lettori che mi hanno seguito con suggerimenti e partecipazione in questa bellissima avventura. Perché il lettore è sempre stato protagonista con i suoi suggerimenti, con la partecipazione ai corsi ed ai convegni, con il costante confronto sui social. Bellissimo il ricordo dei primi mesi, letteralmente tempestato da suggerimenti su come migliorare l’usabilità del sito, su quali autori coinvolgere, su quale stile comunicativo usare.

 

Cari amici,

credo sia giusto comunicarvi che da ieri è terminata la mia avventura con MySolution|Post e che non ne sono più il coordinatore scientifico. 

In questi anni ho sempre collaborato con piacere con Cesi perché mi sentivo a casa e perché per lungo tempo ho avuto la libertà di portare avanti progetti che si sono credo rivelati utili sia all’azienda sia a me personalmente. Da qualche tempo però la spinta innovativa si era interrotta e si è persa la comune la visone di progetto (succede). Ringrazio in particolare alcuni di voi per la pazienza dimostrata in questi ultimi mesi.

Mi porto a casa una bella esperienza, l’aver creato una piccola startup editoriale che ha riunito professori di Harvard, di Castellanza, di Trieste, del Politecnico e della Bocconi, che ha raccolto i contributi in materia di lavoro di ADAPT dell’università di Bologna, che ha avuto tra i suoi autori funzionari del Ministero dell’economia e delle finanze, giornalisti del Corriere della Sera e di Repubblica, che ha stretto più forti rapporti con l’Unione Giovani e con molti ordini locali arricchendosi di interviste e legittimandosi (e legittimando Cesi) davanti al pubblico dei commercialisti e non solo. 

Abbiamo affrontato temi non così consoni al mondo delle professioni economico-giuridiche come strategia, marketing, comunicazione. Senza dimenticare temi etici ed importanti riflessioni di storia economica. Soprattutto siamo tornati a parlare di impresa.

Da MySolution|Post è nato un gruppo di studio che ha fornito importanti momenti di confronto ai partecipanti e credo anche all’editore.

Purtroppo non si sono voluti avvisare per tempo gli autori ed i lettori nei tempi e nei modi che avrei ritenuto opportuni.

Ed i modi per me contano, così come le persone.

Poco male, lo faccio ora e lo farò meglio in un post in cui analizzerò quello che per me resta un caso aziendale ed una interessante esperienza professionale.

È stato un grande piacere collaborare con voi e sono certo che questo è solo un arrivederci, seppur su altri lidi.

 

Ora non resta, come scrivo ormai da tempo, che tornare a fare cose difficili. Scrivendo meno e meglio.

In un prossimo post vi illustrerò una nuova collaborazione che partirà a breve ma che sarebbe poco elegante oltre che ingeneroso anticipare qui.

Arrivederci!

Iscriviti alla nostra Newsletter

Uno schiaffo ed una sfida da cogliere

Uno schiaffo e una sfida per tutti noi professionisti

In un recente articolo del Corriere, Dario Di Vico ci pone di fronte ad una realtà imbarazzante per tutti noi professionisti: siamo destinati a restare prigionieri di una spirale fatta di servizi trattati come commodity e di margini sempre più bassi? Certamente appare ormai evidente quanto il settore si stia polarizzando. Articolo pubblicato su Mysolution| Post e qui riprodotto per gentile concessione dell’Editore.

Il terziario pregiato è la palla al piede della produttività italiana

In un recente articolo del Corriere, Dario Di Vico ci pone di fronte ad una realtà imbarazzante per tutti noi professionisti:

È il terziario pregiato la palla al piede della produttività italiana come dimostrano i dati Istat. I servizi professionali hanno fatto segnare nel 2015 -0,3% (ma sono in territorio negativo dall’inizio dell’indagine) e non sono risaliti nonostante la compressione dei costi nel mercato nazionale e che per comodità chiamiamo «massimo ribasso».

Il guaio è che quando chiediamo innovazione parliamo in realtà di un incremento qualitativo dei servizi che in stretta connessione con la manifattura dovrebbero aiutare il salto di gamma del sistema produttivo.

Non soddisfatto giustamente prosegue nella sua analisi tanto impietosa quanto corretta ricordandoci che:

Purtroppo però le imprese — ma anche lo Stato — a valle sembrano seguire la logica di un outsourcing «povero», e trattare i servizi come una commodity indifferenziata. E la produttività scende.

Siamo quindi destinati a restare prigionieri di una spirale fatta di servizi trattati come commodity e di margini sempre più bassi? Certamente appare ormai evidente quanto il settore si stia polarizzando.

Una crescita malata

In Italia stiamo afforntando (o subendo) due tendendenze senza purtroppo riuscire a calvalcarle in maniera positiva. Cito il prof. Rullani che ha ben sintetizzato il fenomeno:

  • la prima è che la crescita dell’occupazione è trainata dai servizi, i quali colmano i vuoti lasciati dal lento ma sistematico arretramento della quota di occupazione garantita dalla manifattura;
  • la seconda è che, però, si tratta di una crescita “malata” perché aumenta il peso di attività a basso livello di produttività. Infatti il prodotto medio pro-capite del settore terziario ha segnato addirittura un arretramento in termini reali.

Una burocrazia che soffoca e non stimola l’innovazione.

Di chi la colpa? Nel settore delle professioni economico giuridiche di una burocrazia che soffoca le energie e non funge da stimolo all’innovazione. Sconcerto in proposito è derivato dalla recente introduzione dello spesometro trimestrale, e, riprendendo le parole del comunicato stampa cogiunto dei sindacati di categoria, proprio “In un momento in cui le imprese, dopo aver tanto faticato ed investito per restare sul mercato, meriterebbero di concentrarsi sull’attività senza dover rincorrere nuovi adempimenti, aggiornamenti di software e di personale; in un momento in cui i professionisti dopo aver tanto investito e lavorato in ottica di collaborazione con l’amministrazione finanziaria e con i propri clienti affinché si potesse realizzare quella svolta tecnologica e telematica necessaria all’ammodernamento del rapporto fisco contribuente, meriterebbero di dedicarsi con maggior vigore allo sviluppo della propria professionalità e dei propri studi nonché ad affiancare con le proprie competenze quegli imprenditori in grado di far riprendere l’economia del nostro Paese.”

Uno schiaffo ed una sfida da cogliere

Non nascondiamoci però anche le colpe più profonde di una categoria che non trova al suo interno anticorpi per reagire non riuscendo né a farsi stimolo politico né a riconvertirsi su servizi ad alto valore aggiunto. Inoltre per aumentare la produttività nei servizi bisogna creare best practice, confrontarsi con settori diversi da quello in cui si opera, puntare su crescita dimensionale e specializzazione.

Le considerazioni di Dario Di Vico non solo sono condivisibili ma rappresentano uno schiaffo ed una sfida da cogliere per tornare ad immaginarci diversi e più competitivi, rinunciando se è il caso a quelle piccole rendite di posizione che in cambio di poche certezze rischiano solo di farci più poveri.

 

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Piccole riflessioni su un mondo che cambia

Piccole riflessioni su un mondo che cambia

Panatino, lego, Halloween, teatro ed altre riflessioni in ordine sparso

Il fine settimana è il momento in cui pensieri e riflessioni trovano il tempo di decantare. In questi giorni ho avuto diverse cose su cui riflettere, piccole cose sia chiaro, ma che non voglio perdere e come di consueto proverò a fissare qui più per me che per il lettore e di questo me ne scuso. Mi rendo conto che è un post lungo, apparentemente disorganico ma credo che ritroverà unità e chiarezza nelle conclusioni.

Halloween

In Italia tutto è divisione, tutto contribuisce a formare schieramenti. Vedo molti amici criticare una festa americana, imposta, soppiantare le feste cattoliche. Mio figlio potrà giocare a dolcetto scherzetto ma in questo fine settimana è andato a visitare la tomba del nonno per la prima volta accompagnato da mia madre e mio fratello. E come tradizione porterà un fiore al bisnonno ed altri parenti sepolti al Monumentale, ascoltandone la storia e passeggiando in silenzio tra tombe di soldati ed eroi. Ancora forse non comprende tutto ma non vi nascondo la mia commozione che si rinnova ogni volta. Forse basta questo, regalare tempo ed emozioni.

Per noi in famiglia non c’è mai stata l’attesa dei dolci ( salvo un laico pane dei morti preso dal panettiere) o dei regali. È sempre stato un momento di forte legame coi valori familiari, di orgoglio di appartenenza, di ricordi di chi non c’è più e di consapevolezza di una storia di cui facciamo parte. Forse è sempre stata una cosa da uomini, anche nelle confessioni più private che avevano luogo in questi giorni. Momenti di fragilità e di forza preziosissimi nella mia educazione.

Lego, amore e fantasia

Non amo ricevere regali e così quando arriva il momento del compleanno chiedo sempre al panatino , desideroso di stupire il papà, di comprarmi un gioco. Questa volta ho chiesto dei lego ma quelli classici, lo scatolone coi mattoncini. Tutti mi hanno guardato strano ma le attuali scatole dei lego sono troppo complicate e ti costringono a costruire astronavi, ecc armato di potenti istruzioni. Nei miei ricordi di bambino, nonostante la passione per tutta la collezione della base spaziale che ancora conservo, i lego sono sempre stati legati alla fantasia, alla libertà di costruire, smontare e ricostruire. Senza vincoli. Ed è molto più divertente giocare così con panatino.

Troppo spesso oggi rinunciamo alla libertà di sognare per inseguire progetti complicati imposti o auto imposti.

La vanità rischia a volte di compromettere la libertà. E non parlo solo di giochi.

Il rischio inaspettato di un grande successo d’immagine

Sono molto felice per il grande successo teatrale del Cirano di Corrado d’Elia al Teatro Litta. So quanto gli attori abbiano lavorato per questo e vedere il costante aggiungersi di repliche straordinarie è davvero una grande emozione. Quando mi riferisco al “successo inaspettato” non è certo quello dello spettacolo che da anni macina trionfi su trionfi. Ma al successo dell’uso dell’immagine.

Vi suggerisco di vedere questo breve video. Il Teatro è per me una grande ed inaspettata fonte di ispirazione.

a. Disciplina

Un attore/regista che ha il coraggio di rimproverare il pubblico (p minuscola) per rispettare il Pubblico (P maiuscola). Perché come dissi tempo fa “ci vuole disciplina per viver di poesia”. Proprio nella parola disciplina sta il primo insegnamento: più ci discostiamo dalle strade battute, più innoviamo, più ci vuole disciplina, più dobbiamo essere bravi.

b. Immagine

La seconda riflessione è nel ruolo che la “fotografia” ha nel teatro di Corrado. Un ruolo potente, evocativo, quasi cinematografico, tanto da spingere gli spettatori (contro ogni regola e buona educazione) a fotografare gli attori disturbando lo spettacolo. In questo caso sono vittima del loro successo. Del loro esser stati tremendamente bravi nel lavorare sull’immagine (non a caso a teatro prima dello spettacolo è possibile visitare una bellissima mostra fotografica sui 20 anni di rappresentazioni). Bisognerà rifletterci.

c. Concentrazione

La terza riflessione è sulla difficoltà che abbiamo per colpa di internet di mantenere la nostra concentrazione. Il Teatro è agli antipodi e ne sconta il prezzo. Forse però ciò che è un limite può diventare un punto di forza straordinario su cui costruire. Tornando alla fantasia, ai tempi lunghi, al lego classico.

 

Senza polemiche, rimboccandosi le maniche

Nel dramma del terremoto vi propongo questo articolo che mi ha colpito molto per l’atteggiamento propositivo:

“La terra è materia viva, non può stare ferma. Norcia fu distrutta dal terremoto del 1702. La ricostruiremo come fecero i nostri antenati. E poi trovo straordinario che sia rimasta in piedi la facciata, col il suo rosone e le statue di Benedetto e di sua sorella, Santa Scolastica. Dopo questa catastrofe, anche la regola benedettina ritroverà nuovo slancio”.

Morale della favola

Piccole riflessioni su un mondo che cambia ma che mi insegnano a ripartire dai fondamentali: a ripartire dalla regola Benedettina per ricostruire la basilica, a riscoprire i tempi lunghi, la fantasia, la libertà di non seguire le istruzioni. Il coraggio di chiedere rispetto per il proprio lavoro e preservarlo anche dalla propria vanità e dal proprio successo. La consapevolezza di dover tornare a fare le cose difficili.

 

Iscriviti alla nostra Newsletter

Quando i clienti ti accolgono coi pasticcini

Quando i clienti ti accolgono coi pasticcini

Stiamo crescendo e facciamo di tutto perché questa crescita sia sostenibile. Non sono sempre tutte rose e fiori, la nostra è una professione difficile e spesso il commercialista fa un po’ da parafulmine per le norme confuse e l’elevata tassazione. Fortunatamente però ogni tanto si svela anche un lato piacevole e credo sia anche giusto raccontarlo. Complice un po’ di influenza quindi rubo un minuto al lavoro per raccontarvi un paio di novità e qualche piccola soddisfazione.

Convegni, un modo per incontrare gli amici

Gli ultimi eventi formativi sono stati un momento di incontro con molti colleghi che sono tornati a seguire le nostre lezioni o con cui si è stretto un bel rapporto on line, spesso di confronto professionale. La parte più piacevole di essere relatore ad eventi formativi in giro per l’Italia è l’occasione di incontrare amici che altrimenti rimarrebbero solo virtuali.

I social network sono spesso criticati ma è l’uso che se ne fa che conta. A noi continuano a dare grosse soddisfazioni e la stagione dei convegni è appena iniziata (per chi fosse interessato qui il calendario degli eventi formativi aggiornato).

Le novità di MySolution|Post

Il quotidiano di cui sono ideatore e coordinatore scientifico, MySolution|Post vedrà a breve molte novità. La più importante, anche se forse la meno visibile al lettore, è il ritorno in squadra di una persona che ha collaborato alla nascita del progetto e che ci investe davvero molta passione. Ci sono persone con cui è bello poter collaborare, Chiara è una di queste.

Nel giro di pochi mesi cambierà molto con un forte ritorno allo spirito originario del progetto, ma è ancora presto per dire di più.

I pasticcini erano per noi ma i complimenti vanno a loro

L’altro giorno una splendida accoglienza da un cliente ci ha fatto davvero molto piacere. E’ una bella azienda che seguiamo da pochi anni, un passaggio generazionale di successo tra il padre, che ha ceduto le quote, e la figlia che insieme ad altri due soci le ha rilevate.

Il passaggio generazionale non è mai una operazione facile (neanche tecnicamente: valutazione della azienda, cessione, operazioni straordinarie, ecc.) ma quando il risultato è maggiore della somma delle energie investite vuol dire che si è iniziato un percorso virtuoso. Le mille paure iniziali hanno lasciato spazio a tre soci con caratteristiche e compiti ben distinti. Ognuno con le proprie competenze ma capaci di sintesi e focalizzazione sugli obiettivi.

Quello che doveva essere un breve incontro di analisi del bilancio infrannuale e dell’andamento dell’azienda si è prolungato per tutta la mattinata finendo per parlare di nuovi obiettivi, nuovi mercati e strategie di crescita.

I pasticcini erano per noi ma i complimenti vanno a loro perché è bello lavorare con clienti così.

PS la foto è quello che sono riuscito a recuperare on line. Quelli veri erano molti di più appoggiati su un più professionale tavolo da riunioni 😉

 

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Caprotti, una storia di famiglia

Caprotti, una storia di famiglia

Incredibile come un imprenditore “divisivo” come Bernardo Caprotti sia comunque considerato (almeno a Milano) uno di famiglia. Il cordoglio di amici ed avversari in queste ore è sincero […..]

È da qualche settimana che avrei voluto scrivere un articolo sul caso aziendale, sulla mancata successione in azienda del figlio Giuseppe ma ogni volta il pudore mi ha impedito di affrontare una questione che più l’approfondivo più rivelava la prevalenza del lato umano su quello economico.

E che come tutte le questioni personali o le si conoscono molto bene oppure il silenzio è il modo migliore di affrontare la complessità. Forse questo però posso dirlo: uno giganteggia come imprenditore l’altro emerge come uomo. E forse il litigio è comunque un modo di cercarsi.

Ed è proprio alla parola famiglia che nel bene e nel male associo Caprotti, anche nel paradosso delle lotte interne alla famiglia stessa, nella mancata quotazione in Borsa perché Esselunga «è un’azienda familiare e resterà tale».

Leggi l’articolo completo pubblicato su ilSole24Ore

Identità, qualche appunto, come in un ideale zibaldone.

Identità, qualche appunto, come in un ideale zibaldone.

Identità, questa parola da qualche tempo torna costantemente in ciò che leggo, nelle riflessioni con amici imprenditori, nel parlare di teatro: “È una parola che si può declinare, una parola dinamica, che racchiude in sé il concetto stesso dell’essere. È una parola social, #identità, una parola che racconta un percorso e insieme un continuo divenire. È straordinariamente concettuale. E soprattutto è contemporanea. Oggi continuamente ci chiediamo chi sono? Cosa so fare? Sappiamo fare tante cose e proprio per questo facciamo fatica a definire la nostra identità”.

Ho ripreso a giugno queste parole di Corrado d’Elia già in un articolo di qualche mese fa pubblicato su ilSole24Ore Identità, coerenza e altre cose difficili”. Scritte e riscritte più volte quasi a non volerle perdere.

Leggo di sfuggita due articoli su sue aziende in difficoltà condivise recentemente da un Professore del Politecnico:

Ed ancora una volta ciò che mi salta subito in mente è sempre e solo una parola: identità. Nel suo essere ciò che ci caratterizza e ciò che ci differenzia. Nel suo essere statica ma anche dinamica. Ed ancora un articolo (un pò facile e di cui salvo giusto il titolo che evidenzia un problema concreto) sul rapporto commercialisti e PMI “Il commercialista non basta più, Pmi alla ricerca di consulenza“. Stesse considerazioni: identità e ancora identità.

Sotto qualche appunto, come in un ideale zibaldone.

Identità (da Wikipedia)

Il concetto d’identità, nella sociologia, nelle scienze etnoantropologiche e nelle altre scienze sociali, riguarda la concezione che un individuo ha di se stesso nell’individuale e nella società, quindi l’identità è l’insieme di caratteristiche uniche che rende l’individuo unico e inconfondibile, e quindi ciò che ci rende diverso dall’altro. L’identità non è immutabile, ma si trasforma con la crescita e cambiamenti sociali.

Identità societaria (da Wikipedia)

L’identità societaria (dall’inglese corporate identity) si riferisce all’immagine che un’azienda ha, o cerca di procurarsi, presso il pubblico (più raramente si utilizza questa espressione per riferirsi all’immagine dell’azienda presso i propri dipendenti) in modo da distinguersi dai concorrenti.

Essa rappresenta la forma più profonda e spirituale del marchio. In essa si identifica il “core” dell’azienda, ossia il nucleo (core identity), il quale generato dai valori dei suoi fondatori, dà origine alla visione ed alla missione aziendale.

Missione aziendale (da Wikipedia)

La missione (o scopo) di un’organizzazione o impresa (la sua “dichiarazione di intenti”), è il suo scopo ultimo, la giustificazione stessa della sua esistenza, e al tempo stesso ciò che la contraddistingue da tutte le altre. Esempi di missione aziendale:

  • Ferrero – «Qualità elevatissima, cura artigianale, freschezza del prodotto, accurata selezione delle migliori materie prime, rispetto e considerazione del cliente: ecco le “parole chiave” e i valori Ferrero, che hanno reso note e apprezzate da milioni di consumatori le specialità dolciarie prodotte nel mondo. Prodotti frutto di idee innovative, quindi spesso inimitabili pur essendo di larghissima diffusione, entrati a far parte della storia del costume di molti paesi, dove sono a volte considerati autentiche icone.»
  • Ferrari – «costruire vetture sportive uniche, destinate a rappresentare, in pista come sulle strade, l’automobile italiana d’alta scuola. Simbolo di eccellenza e di sportività, Ferrari non ha bisogno di presentazioni»
  • Walt Disney – «Rendere felici le persone (“To make people happy”)»

Identità: prima di tutto una sfida culturale

Un estratto più ampio di quanto scritto da Corrado sul suo profilo facebook e ripreso nel mio articolo pubblicato su ilSole24Ore ”Identità, coerenza e altre cose difficili”.

Mi imbatto su una recente riflessione di Corrado d’Elia, attore e regista teatrale, e mi sorprendo per quanto possa applicarsi non solo al suo percorso professionale ma anche alle nostre imprese, ai nostri studi professionali, a noi stessi come persone.

“In un mondo che cambia sempre più velocemente, che spesso fatica a comprendere dove sta andando, cosa sta facendo, cos’è diventato, nella dimensione liquida nella quale siamo immersi, di facili approcci e difficili approfondimenti, di rapide scoperte e di 1000 tweet in un secondo, porre la questione dell’identità ci sembra un buon modo per continuare ad indagare da una parte il nostro tempo e dall’altra comprendere lo stato del nostro progetto. La mancanza di ‘confini’ che ci suggerisce il mondo che stiamo vivendo, ci porta, oltre che a sentirci più liberi e più veloci, anche e soprattutto a sentirci sempre più smarriti e perduti dentro i suoi ‘non confini’.

A ben pensarci, le declinazioni del concetto di identità sono le vere domande del nostro tempo: identità nazionale, identità culturale, identità sessuale, identità biologica, identità di genere. Oggi l’uomo vive un disperato bisogno di capire chi è e di trovare qualcosa in cui credere, di capire, di essere protagonista, di identificarsi e di appassionarsi.

La parola identità è quindi il vero specchio del nostro tempo, la chiave di volta: è l’affermazione e la domanda insieme, la madre e la figlia, è l’iperbole poliedrica che ci contraddistingue e i mille volti che ci appartengono, una parola allo specchio in cerca di identità, buona da intendersi e da declinarsi sia al plurale che al singolare.

È una parola che si può declinare, una parola dinamica, che racchiude in sé il concetto stesso dell’essere. È una parola social, #identità, una parola che racconta un percorso e insieme un continuo divenire. È straordinariamente concettuale. E sopratutto è contemporanea. Oggi continuamente ci chiediamo chi sono? Cosa so fare? Sappiamo fare tante cose e proprio per questo facciamo fatica a definire la nostra identità”.

Morale della favola

Ogni cambiamento passa da qui, dal definire la nostra identità o, meglio, dal non smarrirla. Dallo scoprire come declinarla al passare del tempo, nel saper ascoltare ed ascoltarci. Una bellissima sfida, è questo il nodo. Gli strumenti, le procedure, quelle vengono dopo. Le persone no, quelle invece vengono prima. Sempre.

Iscriviti alla nostra Newsletter

La consapevolezza di quei perchè.

La consapevolezza di quei perchè.

Articolo pubblicato su Mysolution e qui riprodotto per gentile concessione dell’Editore.

 

La lettura rende un uomo completo,

la conversazione lo rende agile di spirito

la scrittura lo rende esatto.

Sir Francis Bacon

 

Prima settimana di rientro al gran completo. Ormai tutti o quasi sono rientrati dalle vacanze. Ho passato diversi giorni isolato dal mondo, dimenticando i fatti di cronaca, leggendo lentamente qualche libro ed ascoltando tutti i “perché” di mio figlio.

È in quell’età in cui con aria seria e profonda ti si avvicina domandandoti: “Perché?”.

Non importa l’argomento, vuole sapere. Ascolta, ci riflette, poi perde concentrazione e torna a giocare. Dopo qualche tempo rielabora le informazioni, che temevi si fossero rivelate troppo noiose e quindi perdute, e rilancia con un suo nuovo: “Perché?”.

La sua grande forza è non avere posizioni predefinite, non dover difendere certezze granitiche, non dover assumere ruoli.

Vuole solo conoscere, smontare i tuoi punti di vista, sapere perché.

Queste conversazioni sono state un esercizio affascinante. In forte contrasto con le conversazioni mordi e fuggi che troviamo sui social, con l’arroganza, la voglia di dire sempre e comunque la propria opinione anche quando un’opinione non la si ha.

Poi per caso in cerca di un argomento per questo editoriale ritrovo un vecchio articolo di Maurizio Goetz che mi è parso decisamente ricco di spunti.

“La velocità di reazione ai cambiamenti è diventato un elemento di sopravvivenza per le imprese che necessariamente sono costrette:

  • a fare di più con minori risorse (incrementare l’efficienza interna)
  • migliorare la competitività esterna
  • aumentare il tasso dello sviluppo innovativo
  • trovare migliori connessioni con i clienti e con tutti gli stakeholder
  • trovare vantaggi competitivi difendibili per un ragionevole arco temporale
  • focalizzare i loro sforzi su pochi obiettivi, ma ben circoscritti.
  • difendere il patrimonio di conoscenze implicite che rischia di venire dissipato
  • affrontare il problema del ricambio generazionale nel management e gestire le resistenze al cambiamento

Tutte queste cose hanno un elemento in comune: la valorizzazione della conoscenza interna ed esterna all’azienda, altrimenti definita come la Knowledge Governance. “

Ed ora unendo i puntini….. ecco la sfida per il rientro: provare ancora una volta a ripensare tutto, fare pulizia, meno conversazioni ma più profonde, meno vanità e più ascolto.

Forse la conoscenza sta tutto in quel “Perché?” così sfontato di un bimbo di 5 anni, e nel tempo necessario per assimilare le risposte e formulare un nuovo e più consapevole “Perchè?”.

Iscriviti alla nostra Newsletter

La Scuola di Atene

La Scuola di Atene

In questi primi giorni di agosto, mentre corriamo per terminare gli ultimi progetti, sullo sfondo Milano appare sfuocata, luminosa, coccolata dal calore del sole. Tutto di fuori ci appare più rallentato. E’ una strana sensazione, di un tempo finalmente dilatato a cui si contappongono le normali urgenze lavorative.

Utilizzo questo articolo che non avrebbe dovuto esser scritto (i saluti ce li siamo già virtualmente scambiati con l’editoriale pubblicato ieri su MySolution|Post) per raccogliere alcune disordinate riflessioni che, complici le vacanze, rischierei altrimenti di perdere.

Questo spazio oggi torna quindi ad essere un blog personale, quel piccolo diario che in questi ultimi mesi ha lasciato forse troppo spazio ad articoli ed approfondimenti tecnici.

Dialoghi all’ora dell’aperitivo

Ieri ho preso un aperitivo con un amico, Corrado d’Elia, regista ed attore di teatro. L’occasione era una intervista da proporre ad Econopoly sull’interazione tra impresa e cultura. Complice il periodo ci siamo riappropriati di un tempo più lento e ci siamo lasciati trasportare spaziando dalla cultura greca all’identità europea, dall’ Iliade al vecchio banco da falegname di Filippo Berto, da Olivetti ai dialoghi di Platone. E poi il porto vecchio di Sorrento a racchiudere i valori del made in italy.

Lo “sbagliato” sul bancone del bar è diventato quasi un alibi per prevenire i giudizi degli altri avventori un po’ smarriti dai nostri discorsi. Entrambe le nostre visioni, economica ed artistica, apparentemente cosi lontane e distanti hanno trovato una sintesi nell’uomo e nel bisogno di tornare a valorizzare il “laboratorio” come luogo in cui sperimentare, da affiancare alla tradizionale fabbrica rigidamente finalizzata alla produzione di un qualcosa di già definito.

Ed è forse la cultura quella risorsa da sfruttare per provare a disegnare nuovi percorsi…

 

Un aperitivo breve ma ricco di spunti da cui potrebbe nascere qualcosa di più strutturato…

Le PMI non hanno futuro (?).

Questa la tesi provocatoria di un interessante opinionista. Di certo molte PMI oggi appaiono in crisi e bisogna trovare nuove strade per valorizzarle, per aumentare la dimensione aziendale senza perderne le specificità che ne hanno garantito fino ad ora.

Da un paio d’anni a questa parte trovo sempre più amici imprenditori che decidono o esprimono la volontà di cedere (in tutto o in parte) la loro impresa. Hanno tutti caratteristiche comuni: passato confindustriale (contornato da recenti delusioni), piglio manageriale e visione imprenditoriale di lungo periodo, mancanza di eredi diretti ma soprattutto il forte bisogno di aumentare le dimensioni aziendali per garantire un futuro.

Coraggio, capacità e bisogno di percorrere nuove strade, il sapersi immaginare diversi: tutte caratteristiche comuni ai miei amici imprenditori ma forse anche a qualche personaggio della letteratura classica e moderna.

La Scuola di Atene, un manifesto dell’uomo rinascimentale

La scelta dell’immagine a corredo dell’articolo ha acquistato senso man mano che univo i puntini e davo un senso alle singole riflessioni. Mi aiuta Wikipedia:

L’affresco, inquadrato da un arco dipinto, rappresenta i più celebri filosofi e matematici dell’antichità intenti nel dialogare tra loro, all’interno di un immaginario edificio classico, rappresentato in perfetta prospettiva.

Nel tempo l’opera di Raffaello ha sollecitato innumerevoli interpretazioni, chiavi di lettura e modelli interpretativi, che si sovrappongono creando la percezione di un’opera complessa ricca di livelli interpretativi ed impressa nell’immaginario visivo collettivo. Il grande affresco costituisce sicuramente un “manifesto” della concezione antropocentrica dell’uomo rinascimentale. L’uomo domina la realtà, grazie alle sue facoltà intellettive, ponendosi al centro dell’universo, in una linea di continuità fra l’antichità classica e il cristianesimo. Se la prospettiva ricorda la struttura delle basiliche antiche, la geometria in cui sono disposti i personaggi simboleggia la fiducia di Raffaello nell’ordine del mondo, un ordine divino e intellettuale al contempo.

Provando a guardare lontano

Provando a guardare lontano, possiamo ipotizzare queste tendenze di lungo:

  • Passaggio generazionale e riscoperta della cultura del nostro Paese (tutta racchiusa nel porto vecchio di Sorrento) per chi resta;
  • M&A per chi va e chi viene;
  • Imprese di maggiori dimensioni (sempre PMI forse ma sicuramente più grandi), più complesse, più internazionalizzate, più esigenti. Seguite da Studi capaci di gestire questa nuova complessità.

Questo però è solo uno zibaldone buttato giù ai primi di agosto in un tempo immobile, tra un correre frenetico ed una Milano dalla piacevole pigrizia mediterranea. Confido che il lettore saprà essere comprensivo.

Iscriviti alla nostra Newsletter