Linee guida in materia di prezzi di trasferimento

Linee guida in materia di prezzi di trasferimento

Linee guida in materia di prezzi di trasferimento

È stato firmato il decreto del Ministro dell’economia e delle finanze 14 maggio 2018 recante le linee guida in materia di prezzi di trasferimento per l’applicazione delle disposizioni previste dall’articolo 110, comma 7, del testo unico delle imposte sui redditi, approvato con D.P.R. 22 Dicembre 1986, n. 917, in materia di prezzi di trasferimento.

Il decreto dà attuazione alle modifiche apportate al suddetto articolo 110 del Tuir, dall’articolo 59, comma 1, del decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50, convertito, con modificazioni, dalla Legge 21 giugno 2017, n. 96, che ha stabilito che:

le operazioni transfrontaliere tra imprese associate devono essere valorizzate in base al principio di libera concorrenza

e ha demandato, nel contempo, ad apposito decreto del Ministro dell’economia e delle finanze la possibilità di determinare, sulla base delle migliori pratiche internazionali, le linee guida in materia di prezzi di trasferimento per l’applicazione di tale principio.

Metodi per la determinazione dei prezzi di trasferimento

La valorizzazione di un’operazione controllata in base al principio di libera concorrenza deve essere determinata applicando il metodo più appropriato alle circostanze del caso. La norma descrive i metodi per la determinazione dei prezzi di trasferimento, indicando quelli a cui dare preferenza nell’ipotesi in cui al caso concreto risultino applicabili più di uno con eguale grado di affidabilità.

I metodi ritenuti conformi al principio di libera concorrenza sono i seguenti:

  • metodo del confronto del prezzo
  • metodo del prezzo di rivendita
  • metodo del costo maggiorato
  • metodo del margine netto della transazione
  • metodo transazionale di ripartizione degli utili.

La norma, inoltre, consente l’adozione di un metodo alternativo rispetto a quelli indicati a patto che il contribuente dimostri che nessuno di essi può essere applicato in modo affidabile al caso concreto e che dallo stesso derivi un risultato coerente con quello che si otterrebbe tra imprese indipendenti nella realizzazione di operazioni comparabili con quelle oggetto di analisi.

Per approfondire

Il decreto è in corso di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale: DM 14 maggio 2018 e relazione illustrativa