Articoli

La mia timeline è sfidante

La mia timeline è sfidante

La mia timeline è sfidante. Timeline si chiama così per un preciso motivo: trasforma ogni profilo in una sorta di linea del tempo, un diario della propria attività su Facebook, su Linkedin, ecc..

Resto sempre molto sorpreso della qualità dei contributi dei miei contatti sui social. Devo molto e sono grato a chi (professori universitari, giornalisti, imprenditori,  politici e colleghi) trova il tempo di confrontarsi con me, risolvere qualche dubbio o porne di nuovi. Molti sono gli amici conosciuti in rete che ormai frequento abitualmente nella vita reale.

L’incontro migliora il confronto

In questi ultimi mesi ho trovato la mia timeline molto sfidante. Ci vengono offerte opportunità e contemporaneamente veniamo spronati ad un sempre maggiore approfondimento professionale.

“Se non gridi ed ascolti, se sei curioso e non giudichi i social ti permettono di bere bene in compagnia di persone che hanno tanta storia”

E’ sfidante anche per le dimensioni del nostro Studio che resta comunque relativamente piccolo rispetto agli obiettivi che ci proponiamo di raggiungere.

Il mondo delle libere professioni sta cambiando in modo radicale e non è sempre facile individuare la via da intraprendere. Avere amici e colleghi che pretendono da noi sempre di più è un prezioso regalo.

Unendo i puntini

Lavorare con gruppi editoriali ci consente di analizzare quelle dinamiche aziendali che altrimenti ad un professionista resterebbero precluse e di sperimentare le difficoltà e la forza di contaminazione di piccoli progetti innovativi su strutture di ben maggiori dimensioni. Esperienza molto utile e che riversiamo nella nostra consulenza soprattutto quando l’azienda cliente affronta importanti momenti di discontinuità. Molte cose sono cambiate quest’anno:

  • Nuove collaborazioni editoriali;
  • Una nuova e più ampia edizione del nostro Master su perizie di stima e valutazione d’azienda;
  • Una rinnovata collaborazione con ilSole24Ore (importanti novità per Econopoly in arrivo);
  • Le scuole di specialità della Fondazione dei Dottori Commercialisti di Milano;
  • altri interessanti progetti di cui oggi è prematuro parlare ma che dovrebbero veder la luce in autunno.

Soprattutto unendo i puntini si sta rafforzando un progetto professionale che ci impegnerà molto nei prossimi mesi.

La coerenza è tutto

La grande sfida sarà riuscire a cogliere le opportunità che ci vengono poste senza sacrificare la coerenza con il progetto di Studio.

E la coerenza è tutto, come mi ha insegnato un vecchio amico conosciuto anni fa on line e oggi importante punto riferimento e confronto.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Linee guida per la redazione del bilancio a seguito delle nuove regole contabili

Linee guida per la redazione del bilancio a seguito delle nuove regole contabili

 

Il D.Lgs. 139 del 2015, in attuazione della direttiva 2013/34/UE, ha innovato in modo rilevante, le disposizioni relative alla redazione del bilancio e alla comunicazione finanziaria. La conseguenza diretta al Decreto  è stata l’adeguamento di 20 principi contabili da parte dell’Organismo Italiano di Contabilità.

Il Consiglio nazionale di dottori commercialisti ed esperti contabili e Confindustria, con l’obiettivo di offrire utili indicazioni operative alle imprese ed ai professionisti, ha predisposto tali linee guida.

Prima adozione del Decreto

L’OIC 29 riconosce due fattispecie di cambiamenti:

  • Obbligatori, apportati alla normativa contabile o ai principi contabili nazionali. Sono contabilizzati in base a quanto disposto dagli specifici principi o in assenza, in conformità a quanto disposto dall’OIC 29;
  • Volontari, prescindono da modifiche normative e sono adottati in autonomia dal redattore del bilancio per migliorare qualità della rappresentazione dello stesso. Contabilizzati secondo OIC 29.

Il passaggio dalle vecchie disposizioni alle nuove, richiede due tipi di applicazioni

  • Retroattiva, per la contabilizzazione connessa ai cambiamenti derivanti dal D.Lgs. n. 139/2015. I cambiamenti, laddove previsto, sono applicati retroattivamente, ossia imputando gli effetti  derivanti dal cambiamento dal vecchio al nuovo principio al saldo di apertura dell’esercizio in corso. L’OIC “suggerisce” di imputare l’effetto alla voce “utili portati a nuovo”, non escludendo che l’impatto possa essere attribuito ad altra posta del patrimonio. Ai soli fini comparativi, è prevista anche la rideterminazione degli esercizi precedenti, adeguando coerentemente l’esercizio precedente;
  • Prospettica per i cambiamenti apportati dal Principio contabile e non connessi alle modifiche normative. Le nuove previsioni si applicano a partire dalla data in cui ha luogo il cambiamento di principio.

La prima adozione del decreto richiede, pertanto, una scrittura:

  • nel caso di decremento di una voce dell’attivo patrimoniale o di un incremento di una voce del passivo, di tipo: “Utili portati a nuovo” a “Posta da rettificare”;
  • nel caso di incremento di una voce dell’attivo o di un decremento di una voce del passivo, di tipo: “Posta da rettificare” a “Utili portati a nuovo”.

In mancanza di indicazioni specifiche, qualora gli “utili portati a nuovo” non fossero capienti si deve seguire la sequenza di utilizzo di riserve prevista in caso di riduzione del capitale sociale per perdite.

Determinazione dell’informativa comparativa

L’art. 2423-ter, co. 5, c.c. dispone che “… per ogni voce dello stato patrimoniale e del conto economico deve essere indicato l’importo della voce corrispondente dell’esercizio precedente. Se le voci non sono comparabili, quelle dell’esercizio precedente devono essere adattate; la non comparabilità e l’adattamento o l’impossibilità di questo devono essere segnalati e commentanti nella nota integrativa”.

La determinazione retroattiva ai fini comparativi può distinguersi in:

  • non fattibile o eccessivamente onerosa: quando, dopo aver fatto ogni ragionevole sforzo, non è fattibile determinare l’effetto di competenza dell’esercizio precedente, o ciò risulti eccessivamente oneroso, la società non deve presentare i dati comparativi rettificati. Pertanto, si limita ad applicare il nuovo principio contabile, ed effettua una rettifica corrispondente sul saldo d’apertura del patrimonio netto dell’esercizio in corso, oppure, se non è possibile neanche determinare l’effetto alla data di inizio esercizio, la società applica il nuovo principio contabile prospetticamente.
  • fattibile e non eccessivamente onerosa, è possibile seguire due strade:
    • 1. considerare l’impatto del cambiamento al 1° gennaio 2016 e rettificare i pertinenti dati dell’esercizio 2015;
    • 2. considerare l’impatto del cambiamento al 1° gennaio 2015 e contabilizzare in via extracontabile a partire da tale data gli eventi e le operazioni interessate.

Adeguamento degli schemi di bilancio ex artt. 2424 e 2425 c.c.

Azioni proprie

Il Decreto ha introdotto la “riserva negativa per azioni proprie” in portafoglio, eliminando la voce “azioni proprie” in portafoglio dall’attivo patrimoniale. Pertanto, la società in possesso di azioni proprie, elimina la voce dall’attivo per l’importo iscritto, riducendo dello stesso importo il patrimonio netto.

Eliminazione area straordinaria di conto economico

L’eliminazione dell’area straordinaria comporta la diversa riclassificazione delle poste straordinarie, ma i valori rimangono inalterati. Si prevede, contestualmente,  l’indicazione dell’importo e della natura dei singoli elementi di ricavo o di costo di entità o incidenza eccezionali.

Eliminazione dei costi di ricerca e di pubblicità

Non vi sono più nell’attivo dello stato patrimoniale i “costi di ricerca” e i “costi di pubblicità”, pertanto, gli importi verranno iscritti diversamente.

I costi di pubblicità precedentemente capitalizzati che soddisfano le condizioni per l’iscrizione come costi di impianto e ampliamento potrebbero essere mantenuti in bilancio e contabilizzati come tali.

I costi di ricerca “applicata” che soddisfano le condizioni per essere considerati come costi di sviluppo possono essere contabilizzati come tali.

Applicazione del costo ammortizzato

Non vi sono modifiche da effettuare nella prima applicazione in tre casi:

  • la società adotta il criterio del costo ammortizzato in via prospettica, pertanto verrà contabilizzato il vecchio criterio sino all’eliminazione “naturale” delle poste di bilancio, dandone, però, spiegazioni nella nota integrativa;
  • la società adotta il bilancio in forma abbreviata o è una micro-impresa, pertanto, saranno esentate dall’adozione del principio;
  • l’adozione del criterio ha generato effetti economici non rilevanti; le norme del c.c. e i principi contabili devono essere applicati ad operazioni ed eventi che abbiano effetti rilevanti.

In molti casi ai crediti e ai debiti commerciali non verrà applicato tale criterio in quanto sono a breve termine (scadenza inferiore a 12 mesi), e, come tali genererebbero effetti irrilevanti.

Qualora la società dovesse optare per un’applicazione retroattiva, dovrà, anche in sede di prima applicazione, contabilizzare l’effetto derivante dal cambiamento di principio contabile.

L’adozione del criterio comporta:

  • valori di credito diversi rispetto al valore nominale e titoli di debito diversi rispetto al costo storico; gli eventuali costi di transazione incrementano il valore di bilancio e l’effetto dell’attualizzazione determina una riduzione del valore economico. Tale operazione, pertanto, determinerà una riduzione o un aumento del patrimonio netto.
  • valori di debito inferiori rispetto al valore nominale; gli eventuali costi di transazione e/o l’effetto di attualizzazione diminuiscono il valore economico del debito. Tale operazione determinerà un incremento del patrimonio netto.

Le società che non hanno optato per l’applicazione del criterio in via prospettica, potrebbero avere problematiche in merito all’attualizzazione dei debiti finanziari (o crediti finanziari) infragruppo concessi a tassi non di mercato o infruttiferi.

Rilevazione dei derivati

Le principali difficoltà attengono alla determinazione del fair value e alla decisione di trattare i derivati come “di copertura” o “non di copertura” alla data del passaggio.

La determinazione del fair value è effettuata dalla società, basandosi anche sulla documentazione presentata dalla controparte.

Tutti gli strumenti finanziari derivati devono essere valutati al fair value. La variazione di valore degli strumenti finanziari derivati non di copertura e la variazione di valore degli strumenti finanziari derivati di copertura del fair value sono imputate in conto economico; mentre la variazione di valore degli strumenti finanziari derivati di copertura dei flussi finanziari e degli impegni programmati è imputata a patrimonio netto.

In sede di cambiamento del criterio di valutazione, sui saldi al 1° gennaio 2016, l’effetto iniziale dovrà essere iscritto a patrimonio netto, indipendentemente dalla classificazione dello strumento “di copertura” o “non di copertura”. Ciò che cambia è il conto utilizzato:

  • L’effetto sul patrimonio netto del derivato, che si decide di trattare come di copertura di flussi finanziari, si iscrive nella “Riserva di copertura di flussi finanziari attesi”; successivamente al 31 dicembre 2016 le variazioni transitano per patrimonio netto;
  • L’effetto sul patrimonio netto del derivato, che si decide di trattare come non di copertura, si iscrive negli “Utili portati a nuovo”; successivamente al 31 dicembre 2016 le variazioni transitano per conto economico.

L’art. 2426, co. 1, n. 11-bis, c.c. richiede che affinché la relazione sia configurabile come “di copertura” ai fini del bilancio occorre che vi sia “stretta e documentata correlazione tra le caratteristiche dello strumento o dell’operazione coperti e quelle dello strumento di copertura”. Qualora la documentazione non fosse esistente, occorre farne richiesta al soggetto con cui è stato stipulato il contratto (la banca) per averne copia, o predisporre documentazione interna capace di evidenziare l’esistenza della correlazione. Nel caso in cui la documentazione della controparte contraente fosse pervenuta successivamente alla data di chiusura dell’esercizio, l’informazione rientra nei fatti successivi che devono essere recepiti nei valori di bilancio, e, quindi, rileva per la predisposizione del bilancio.

È possibile (facoltà) procedere alla designazione della copertura contabile alla data di inizio del bilancio dell’esercizio di prima applicazione del principio (1° gennaio 2016), soprattutto alla luce del fatto che le società di piccole dimensioni non hanno in precedenza determinato il fair value degli strumenti finanziari derivati, essendo esentate dal fornire l’indicazione in nota integrativa.

Qualora non fosse possibile, nonostante ogni ragionevole sforzo, verificare i criteri di ammissibilità della copertura alla data di inizio del bilancio di prima adozione, l‘effetto del passaggio può essere determinato alla data di chiusura del bilancio (31 dicembre 2016).

Le micro imprese sono obbligate a non adottare tali disposizioni, rimanendo obbligate ad effettuare un accantonamento per perdite probabili nel caso in cui siano soddisfatte le condizioni indicate dall’OIC 31.

Previsioni per le società che redigono il bilancio in forma abbreviata e per le micro imprese

Sono società che redigono il bilancio in forma abbreviata, le società che non abbiano emesso titoli negoziati in mercati regolamentati, e che, nel primo esercizio o, successivamente, per due esercizi consecutivi, non abbiano superato due dei seguenti limiti:

  • Attivo per 4.400.000 euro;
  • Ricavi per 8.800.000 euro;
  • 50 dipendenti.

L’art. 2435-ter c.c., prevede una nuova categoria: le micro-imprese. In tale categoria sono incluse le società che nel primo esercizio o, successivamente, per due esercizi consecutivi non abbiano superato due dei seguenti tre limiti:

  • Attivo per 175.000 euro;
  • Ricavi per 350.000 euro;
  • 5 dipendenti.

In sede di prima adozione, si segnala l’opportunità di verificare il rispetto delle predette condizioni con riguardo agli esercizi 2015 e 2016.

Le società che redigono il bilancio in forma abbreviata e le micro-imprese non sono obbligate, a differenza di quanto previsto per le società che redigono il bilancio in forma ordinaria, alla predisposizione del rendiconto finanziario, all’adozione del costo ammortizzato e ad altre applicazioni.

Alcune società di piccole dimensioni potrebbero aver contabilizzato in parte diversamente gli interessi legati alle poste dei crediti, debiti e titoli di debito. Nei precedenti Principi contabili non era previsto l’accorpamento di tali elementi nei valori delle poste interessate. I nuovi Principi OIC, invece, prevedono che tali elementi siano incorporati nelle poste di riferimento.

Pertanto:

  • la rilevazione degli interessi attivi di crediti finanziari o di titoli di debito di competenza dell’esercizio (che prima avrebbe avuto come contropartita i ratei attivi) potrebbe avere, adesso, come contropartita i crediti o i titoli medesimi;
  • la rilevazione degli interessi passivi di debiti finanziari di competenza dell’esercizio  (che prima avrebbe avuto come contropartita i ratei passivi) potrebbe avere, adesso, come contropartita i debiti medesimi.

Per approfondire

Per approfondimenti scarica il documento: Linee guida per la prima applicazione delle novità

 

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter, riceverai contenuti che condividiamo esclusivamente con gli iscritti. Case study aziendali per crescere insieme.

 

Ci lamentiamo spesso di non riuscire a trovare dei casi aziendali ben fatti che possano aiutare sia gli imprenditori sia noi stessi a crescere insieme. Abbiamo così deciso di sperimentare, creare una newsletter senza una periodicità fissa, inviando solo ciò che riteniamo utile e quando lo riteniamo utile.

Abbiamo deciso di rinnovare la nostra Newsletter.

Raccoglierà certamente gli articoli in materia fiscale e societaria pubblicati dai nostri professionisti sulle principali riviste di settore ma ci concentreremo ancora di più su ciò per cui solitamente è più apprezzata, per le riflessioni personali sul nostro modo di intendere la professione e soprattutto per l’analisi di interessanti casi di impresa. 

Vogliamo creare l’occasione per uno scambio di idee, un’interazione indispensabile per sviluppare nuove visioni e ridisegnare insieme, grazie ai vostri commenti, l’ impresa e la nostra professione.

Crediamo molto nell’importanza della crescita e diffusione della cultura imprenditoriale. Pensiamo sia importante diventare ogni giorno professionisti e imprenditori migliori, sviluppando il dialogo ed imparando gli uni dagli altri.

Storie di impresa

Crediamo molto nell’effetto positivo dell’emulazione. Selezioneremo casi di impresa e storie di imprenditori che ci sono sembrate particolarmente interessanti e stimolanti per chi vuole intraprendere la strada dell’innovazione e del cambiamento.

Analizzeremo gli strumenti tecnici usati nel passaggio generazionale, nella valutazione di azienda, nel risanamento di aziende in crisi. Cercheremo di farlo sinteticamente usando parole semplici lasciando il più possibile spazio al confronto sui nostri canali social. Perché l’obiettivo deve essere stimolare la curiosità e l’interesse di chi fa impresa e non annoiare con dottrina autoreferenziale.

Potrai scaricare la guida alle agevolazioni

Iscriviti alla nostra Newsletter. Per iniziare questo percorso insieme potrai scarica gratuitamente la Guida alle agevolazioni per Imprese e Startup. La Guida del MISE raccoglie tutte le agevolazioni attualmente fruibili dalle imprese per l’attuazione del piano Industry 4.0.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Aiutare qualcuno a fare, da pari a pari, con rispetto reciproco.

Aiutare qualcuno a fare, da pari a pari, con rispetto reciproco.

L’immagine della nostra professione spesso oscilla in maniera indeterminata e pericolosa tra quella del consulente della multinazionale americana e quella dell’ impiegato pubblico. Perdendo in qualche modo quelli che sono i nostri punti di forza e quella che è la nostra storia e la nostra identità: professionalità, deontologia e riservatezza. Articolo pubblicato su Mysolution|Post e qui riprodotto per gentile concessione dell’Editore.

FotoDa bambino non riuscivo a capire bene che lavoro facesse mio padre, anche lui commercialista, e ricordo che mi colpì molto una pubblicità istituzionale dell’allora CNDC di cui sono riuscito a recuperare anni fa solo una vecchia immagine un po’ rovinata, che mi piace conservare e riproprorvi (scusandomi della pessima qualità ma in rete non ho trovato nulla di più definito). Mi fu subito chiaro che mio padre “aiutava qualcuno a fare”, da pari a pari, con rispetto reciproco. Non riuscivo a capire molto di più, ma compresi che era una bella professione. Una professione libera (mio padre ci teneva molto a sottolinearlo anche se allora non ne comprendevo bene il perché).

L’altro giorno è nata una piccola polemica in rete (complice qualche nervosismo preelettorale) su un’iniziativa istituzionale. Il fatto non merita troppo rilievo ma mi hanno subito riportato di buon umore queste brevi considerazioni di Roberta Dell’apa:

“La capacità di fare le cose ordinarie in modo straordinario è qualità dei professionisti che dovrebbero far parte della categoria nella quale io mi riconosco. Il dibattito non può limitarsi alla contrapposizione tra “attività ordinaria” e specializzazione. Dobbiamo spostare l’attenzione sull’identificazione delle attività, dei contenuti e della qualità. Non possiamo accettare di ambire ad identificarci con i funzionari pubblici. Il Dottore Commercialista che fino ad ora ha svolto prevalentemente l’attività ordinaria relativa alla contabilità alle dichiarazioni fiscali agli invii telematici ha prestato un importante servizio alla propria clientela ed ha, prima di altri, sviluppato, gioco forza, le competenze tecnologiche. Sfruttiamo queste peculiarità e capacità verso altri fronti, apriamo la mente ad altri mercati ed iniziative. Smettiamola di limitarci a “registrare” i numeri e forniamo alle imprese l’adeguata consulenza attraverso la lettura e l’elaborazione dei numeri. Non possiamo ambire ad avere un riconoscimento pubblico solo perchè prestiamo un servizio pubblico. andiamo oltre. e non aspettiamo che altri ci diano un mercato di clientela, costruiamocelo. ma questo è difficile, dobbiamo ragionare ed essere uniti e pensare che queste dovrebbero essere le priorità rispetto alle beghe di palazzo. forse non ce la possiamo fare. o forse questo è ciò che ci meritiamo.”

La mia mente è subito riandata a quella foto su un vecchio giornale e mi ha strappato un sorriso perché la mia immagine della professione in fondo è ancora quella, dell’imprenditore e del commercialista che dopo una giornata di lavoro sono ancora lì, a tarda sera, a lavorare su un progetto. Insieme.

Le imprese oggi hanno difronte sfide importanti, crescita dimensionale, marketing e finanza, devono conoscere il loro settore ed internazionalizzarsi. Noi professionisti dobbiamo riscoprire il nostro ruolo (probabilmente ritrovando e rinnovando valori antichi) per accompagnarle in questo percorso e dobbiamo farlo in fretta. Le energie di tutti devono essere focalizzate su innovazione e rinnovamento. Non su altro.

Le scuole di specializzazione posso essere una grande opportunità per riflettere sul nostro ruolo di professionisti, se non dimenticheremo la grande capacità di sintesi e di visione dell’impresa a 360 gradi che da sempre accompagna la nostra professione.

Non possiamo più permetterci di perdere tempo in interpretazioni fiscali ad orologeria, nel seguire orientamenti contrastanti in giurisprudenza su argomenti spesso di scarsa rilevanza e che trovano la loro complessità solo nella pigrizia del legislatore nel fare chiarezza. Lo Stato deve tornare ad essere al servizio del contribuente e non viceversa.

Non dobbiamo aggiungere burocrazia a burocrazia, dobbiamo pretendere il rispetto dello statuto del contribuente ed una forte semplificazione della normativa per essere messi nelle condizioni di poter “aiutare qualcuno a FARE, da pari a pari, con rispetto reciproco”.

Iscriviti alla nostra Newsletter