Blog - Ultime notizie
Fondamenti dell'Impairment Test, brevi cenni alle valutazioni delle partecipazioni fondate sui flussi di risultati attesi

Fondamenti dell’Impairment Test

Fondamenti dell’Impairment Test

Brevi cenni alle valutazioni delle partecipazioni fondate sui flussi di risultati attesi

L’impairment test, secondo quanto stabilito dallo IAS 36, è un processo volto a verificare se il valore di carico delle attività iscritte in bilancio non ecceda il loro valore recuperabile, definito come il maggiore tra il fair value diminuito dei costi di dismissione e il valore d’uso. Quando il valore di carico supera il valore recuperabile, si rende necessaria una svalutazione.

Applicazione dell’Impairment Test alle Partecipazioni

Le partecipazioni, rappresentando investimenti strategici e spesso di lungo termine, sono soggette all’impairment test per determinare se vi siano indicatori di perdita di valore. In particolare, l’analisi deve prendere in considerazione:

  • Cambiamenti nel mercato e nel contesto economico: variazioni sfavorevoli nel mercato, recessioni economiche o crisi settoriali possono ridurre significativamente il valore delle partecipazioni.
  • Dati finanziari della partecipata: perdite operative ricorrenti, deterioramento dei flussi di cassa futuri previsti, e riduzione del valore di mercato della partecipata sono segnali di possibile impairment.

Metodologia di Valutazione

La valutazione dell’impairment delle partecipazioni segue un processo articolato in diverse fasi:

  1. Identificazione degli indicatori di perdita di valore: Questo passaggio preliminare comporta la raccolta e l’analisi di informazioni economiche, finanziarie e settoriali.
  2. Determinazione del valore recuperabile: Si procede al calcolo del fair value al netto dei costi di vendita e del valore d’uso. Per il calcolo del valore d’uso, si utilizzano flussi di cassa futuri attesi, attualizzati al tasso di sconto appropriato.
  3. Confronto con il valore di carico: Il valore recuperabile ottenuto viene confrontato con il valore contabile delle partecipazioni. Se il valore di carico eccede il valore recuperabile, si deve procedere alla svalutazione.

Le valutazioni fondate sui flussi di risultati attesi

Le valutazioni fondate sui flussi di risultati attesi si svolgono di norma sui budget e sui piani industriali elaborati dal management. In condizioni ideali, il management scenario dovrebbe posizionarsi nella parte centrale di una distribuzione simmetrica dei risultati riferibili a scenari più positivi e a scenari più negativi (flussi unconditional).

Nelle condizioni ideali delineate, il management scenario tende a coincidere anche con lo scenario più probabile. Le assumption che stanno a fondamento del management scenario dovrebbero, come richiedono i PIV, non essere in contraddizione con le informazioni desumibili da fonti esterne di mercato.

In altri termini, le proiezioni del management non dovrebbero discostarsi, senza giustificati motivi, dai dati desumibili da fonti quali analisi di settore realizzate da istituzioni di elevato standing, dalle proiezioni di consenso degli analisti finanziari e via dicendo.

Se ciò non si verifica, quale ad esempio è il caso di piani aziendali particolarmente aggressivi in rapporto alle indicazioni desumibili dal mercato e dai competitor, può rendersi necessario rettificare il tasso base di attualizzazione dei flussi in funzione del rischio del piano.

Il Rischio di Double Counting: Flussi e Tassi

Le difficoltà previsionali in caso di mercati incerti, influenzati da vari fattori come guerre e crisi economiche, rendono auspicabile l’utilizzo di analisi multiscenario. Queste possono essere condotte sia attraverso scenari discreti sia mediante analisi Monte Carlo. È fondamentale verificare che l’effetto di tali fattori sia già correttamente riflesso nelle previsioni dei flussi di cassa. In tal caso, non sono necessari ulteriori premi per il rischio nei tassi di sconto. Eventuali aggiustamenti in aumento del costo del capitale, oltre a presentare oggettive complessità nella stima, rischierebbero di generare un effetto di “double counting” del premio per il rischio.

Gli scenari

Gli scenari discreti si riferiscono a un metodo di analisi utilizzato per valutare diverse possibili situazioni future in maniera distinta e separata. In pratica, si creano scenari specifici e ben definiti che rappresentano diverse condizioni economiche, di mercato o operative. Ogni scenario viene analizzato singolarmente per vedere come influenzerebbe i flussi di cassa, i profitti, e altri parametri aziendali chiave. Ecco un esempio di come potrebbero essere strutturati gli scenari discreti:

  1. Scenario Ottimistico: Presuppone condizioni molto favorevoli, come una forte crescita economica, aumento della domanda, miglioramenti tecnologici, ecc.
  2. Scenario Base (o Realistico): Rappresenta lo scenario più probabile basato sulle attuali tendenze di mercato e previsioni realistiche.
  3. Scenario Pessimistico: Considera condizioni sfavorevoli, come recessioni economiche, perdita di quote di mercato, aumento dei costi delle materie prime, ecc.

In ogni scenario, i flussi di cassa e altri parametri vengono calcolati e analizzati per capire come variabili esterne e interne possano impattare le performance aziendali. Questo approccio aiuta a comprendere meglio i rischi e le opportunità e a prendere decisioni più informate.

Considerazioni Pratiche e Critiche

L’accuratezza dell’impairment test dipende fortemente dalla qualità delle previsioni e delle assunzioni utilizzate, nonché dalla robustezza dei modelli di valutazione impiegati. In periodi di elevata incertezza, come quelli segnati da crisi economiche globali, le previsioni sui flussi di cassa possono risultare altamente volatili, aumentando il rischio di errore nella determinazione del valore recuperabile.

L’impairment test deve basarsi su parametri finanziari e di mercato attendibili e correttamente documentati​​. È essenziale, dunque, utilizzare fonti di dati affidabili per determinare il costo del capitale, il tasso di sconto e le previsioni economiche.

Conclusioni

L’impairment test delle partecipazioni iscritte a bilancio è un processo fondamentale per garantire la trasparenza e l’accuratezza dei bilanci aziendali. La sua corretta applicazione richiede una profonda comprensione dei principi contabili, una rigorosa analisi dei dati economici e finanziari e una costante attenzione ai cambiamenti del contesto economico. Solo così è possibile riflettere in bilancio il reale valore recuperabile delle partecipazioni, tutelando gli interessi degli stakeholder e garantendo la solidità patrimoniale dell’azienda.

Per approfondire