Articoli

Mercato M&A in Italia nel 2020

Mercato M&A in Italia nel 2020

Il report KPMG sul mercato M&A in Italia nei primi 9 mesi del 2020 fotografa, come era facilmente prevedibile nonostante le dichiarazioni di molti advisor, un mercato in chiaroscuro: cresce l’attività domestica, mentre calano gli investimenti esteri.

“Come molti altri settori dell’economia, anche l’intero ecosistema delle fusioni e acquisizioni, dagli imprenditori ai manager, dagli investitori istituzionali ai consulenti, hanno dovuto modificare rapidamente le modalità di lavoro per garantire continuità” sottolinea Max Fiani, Partner, KPMG, Corporate Finance. “Affrontare un processo di vendita in questo periodo storico può essere particolarmente gravoso. Molte operazioni annunciate sono state poi sospese, probabilmente in attesa di capire come si muoveranno le valutazioni e di una maggiore chiarezza sul current trade per poter ragionare su proiezioni economico-finanziarie circostanziate. Molti operatori si sono dovuti concentrare sul quotidiano, chiudendo nel cassetto progetti di crescita inorganica; altri hanno affrontato e stanno affrontando crisi di liquidità che hanno colpito diversi fattori. L’insieme di questi fattori ha riportato il mercato indietro di anni, cancellando anni di crescita rilevante”.

Sono altresì convinto che molti settori in Italia andranno a consolidarsi riducendo il numero di imprese a favore di un aumento della dimensione media aziendale. Le PMI dovranno nei provvedere a ridefinire la dimensione minima per competere coerentemente al loro modello di business ed ai cambiamenti di mercato.

Per questo ci aspettiamo che le vere protagoniste del mercato M&A saranno le PMI dalla primavera 2021 in poi anche se già in questi giorni iniziamo ad intravedere molto movimento nel settore.

Per approfondire

Mercato M&A in Italia nei primi 9 mesi 2020: il rapporto KPMG.