Articoli

Ci stiamo sbagliando ragazzi, ci siamo dimenticati delle imprese e della nostra manifattura.

Ci stiamo sbagliando ragazzi, ci siamo dimenticati delle imprese e della nostra manifattura.

Articolo pubblicato sul mensile Strade e qui riprodotto per gentile concessione dell’editore

Troppi alibi, troppo rumore. Ci siamo dimenticati delle imprese, di chi produce, di chi fa fatica a costruire un progetto e lo difende con tutta la forza che ha.

Perché non parliamo più di PMI? In questi anni ci aspetta una sfida importante: far crescere le competenze e la dimensione delle nostre imprese. Aprire orizzonti geografici e culturali è ormai condizione indispensabile alla loro sopravvivenza. Certo la strada è in salita e si continuano a contare i fallimenti di chi non c’è riuscito.

La soluzione però è credere nelle imprese, aiutarle, sostenerle, liberarle dai mille vincoli burocratici che tolgono soldi e tempo. Oggi i costi della burocrazia rubano risorse al progetto imprenditoriale ed al futuro. Senza semplificazioni e certezza del diritto possiamo scordarci delle imprese e di attrarre nuovi investimenti.

Il sogno è figlio della libertà e della semplicità.

Questo Paese proprio non riesce ad immaginarsi diverso, a credere in se stesso e nelle sue potenzialità, ad avere il coraggio di rialzarsi.

Per provare a cambiare ci raccontiamo storie, consolatorie in parte, che non rappresentano né ciò che siamo né ciò che vorremmo essere. L’Italia del miracolo economico ritrovava se stessa sognando l’America. Sognavamo il frigo, la pelliccia ed il macchinone americano ed abbiamo creato la dolce vita, la 500, la vespa e “Vacanze romane”. Il sogno si declinava in una realtà un po’ provinciale forse ma che aveva la forza straordinaria di diventare a sua volta sogno per gli stranieri.

Oggi quella capacità di sognare o se preferite quella capacità di definire una visione di Paese ci è preclusa da una burocrazia che rende tutto difficile. Il sogno è figlio della libertà e della semplicità.

L’ Italia dei regimi speciali e delle deroghe eterne

Questa è l’ Italia  dei regimi speciali e delle deroghe eterne, che sogna la california e le sue startup ma non riesce a riformare in maniera coerente il regime dei minimi.

Non riusciamo a comprendere che è inutile creare una normativa di vantaggio se poi dimentichiamo quelli che sono gli elementi fondamentali per favorire lo sviluppo delle imprese: lotta alla criminalità, fisco equo, semplificazioni e certezza del diritto sono le vere battaglie da combattere.

Essendo però battaglie complicate uno Stato pigro e ruffiano preferisce vincere piccole ed inutili risse di quartiere. Piccole vittorie del tutto inutili ma capaci di far fare gran titoli a giornalisti sempre alla ricerca di facili notizie.

L’innovazione non nasce solo da qualche agevolazione fiscale, nasce soprattuto da Università, da centri di ricerca, da multinazionali che investono, da aziende che fungono da incubatori per i propri dipendenti.  

Il nostro è ancora un Paese manifatturiero e non possiamo permetteci di abbandonare o dimenticare chi produce. È li che si tutelano o creano posti di lavoro.

Per evitare equivoci non parlo di incentivi, non parlo di strutture a sostegno, ma di lasciare l’imprenditore libero di fare impresa: meno burocrazia, leggi più stabili, intervenendo magari riducendo costo del lavoro e tasse, quello si.

Tolleriamo leggi incostituzionali pur di salvaguardare il gettito

Crediamo seriamente che qualcuno sia incentivato ad investire in Italia finchè saran tollerate sentenze come quella sulla Tobin Tax in cui le esigenze di gettito ssiano considerate più rilevanti delle questioni di diritto? Sentenze che consentiranno al legislatore di promulgare leggi incostituzionali per far cassa certo della tolleranza della Corte?

Siamo certi che la costante confusione fiscale possa portare sviluppo e progresso? Sia chiaro non parlo (dovrei ma per carità di Patria mi taccio) del livello ormai inaccettabile di imposizione, parlo della mole e della complessità degli adempimenti.

Una tecnologia che non porta vantaggi e semplificazioni

Oggi potremmo cavalcare la tecnologia e la fatturazione elettronica consentendo maggiori controlli ed una semplificazione sostanziale degli adempimenti, anche contabili. Preferiamo invece subire l’innovazione senza cavalcarla e senza indicare con forza una direzione modernizzatrice per tutto il sistema.

La tecnologia oggi potrebbe consentire facilmente una contabilità semiautomatizzata (fatture elettroniche e flussi bancari immediatamente recepiti in contabilità) che porterebbe una riduzione dei costi amministrativi e contemporaneamente una estrema facilità di controlli da parte del fisco.

Perché dobbiamo conservare gli scontrini della farmacia quando attraverso la tessera sanitaria potrebbero già essere recepiti dallo Stato nelle dichiarazioni dei redditi?

Perché l’operazione 730 invece di migliorare il rapporto fisco /contribuente si è risolta nell’ennesima vessazione contro il cittadino e contro i professionisti che improvvisamente si ritrovano ad essere fideiussori del prelievo tributario?

La tecnologia invece di diventare uno strumento di maggior dialogo e di semplificazione del rapporto stato/cittadino è diventata un’arma potentissima a tutela di una burocrazia sempre più complessa ed estesa.

L’incrocio delle banche dati non deve essere solo uno strumento di repressione dell’evazione ma soprattutto uno strumento per limitare le dichiarazioni, le comunicazioni del cittadino liberandolo da adempimenti oggi pleonastici.

L’abuso del diritto e l’involontario sarcasmo del Destinazione Italia

Attendiamo ormai da troppo tempo chiarimenti in tema di abuso di diritto.

La sentenza della Cassazione n. 2193/2012, tra le altre, rivendica l’esistenza nell’ordinamento tributario del generale divieto di abuso del diritto, che consente il disconoscimento degli effetti di qualunque negozio posto in essere solo per vantaggi fiscali senza la presenza di valide ragioni economiche.

Lasciatemi solo ricordare in merito quanto dichiarato, non senza una certa dose di involontario sarcasmo, dallo stesso Governo italiano nel Destinazione Italia:

“Il concetto di abuso del diritto è nato nell’ambito dell’Unione europea, per effetto di alcune sentenze della Corte di Giustizia limitate al comparto dei tributi armonizzati, e ha successivamente avuto uno sviluppo anche in Italia a seguito di alcune pronunce della Corte di Cassazione. Si tratta, quindi, di una fattispecie giurisprudenziale che confonde e rende incerto, con importanti ripercussioni penali, il confine fra evasione ed elusione fiscale e colpisce anche quei comportamenti del contribuente che, pur leciti, mirano a ottenere vantaggi non previsti dal legislatore. Una interpretazione troppo estensiva della definizione di abuso mina le certezze necessarie alle imprese per un’adeguata pianificazione fiscale.”

Siamo davvero sicuri che tutto ciò possa incentivare un amministratore di una impresa estera ad aprire una sede in Italia?

La qualità dell’azione di governo deve misurarsi nella riduzione dell’intervento dello Stato.

Vorrei immaginare un Paese diverso, in cui l’azione di governo si misuri nella riduzione dell’intervento e del perimetro dello Stato.

Un Paese in cui la spesa corrente sia, se non ridotta, parzialmente convertita in spesa per investimenti. Un Paese in cui le grandi opere ed i grandi eventi come Expo servano ad immaginarci diversi.

Liberiamo il mercato da rendite di posizione, da monopoli, da oligarchie ormai decotte e chi fa impresa tornerà a sporcarsi le mani e ad investire.

Iscriviti alla nostra Newsletter