Articoli

Nullità della delibera assembleare in difetto di convocazione

Nullità della delibera assembleare in difetto di convocazione

La sentenza del Tribunale di Roma n. 19326 del 17 ottobre 2016 ha ad oggetto l’impugnazione di una delibera assembleare di una Spa.

Nel caso di specie, il socio di una Spa, titolare di una quota di partecipazione minoritaria, lamenta l’omessa convocazione all’assemblea straordinaria, da parte della società convenuta, nelle forme statutariamente previste. Conseguentemente, chiede ai sensi dell’art.2379 c.c. ( il quale dispone sui casi di nullità delle deliberazioni) la nullità delle deliberazioni assunte dall’assemblea straordinaria, per mancata convocazione dell’assemblea.

Sentenza del Tribunale di Roma n. 19326 del 17 ottobre 2016

Nei motivi della decisione, il collegio richiama l’art.2379 c.c. e sottolinea come, lo stesso, “nel sanzionare la nullità delle deliberazioni assunte dall’assemblea in difetto di convocazione, tutela l’interesse di ciascun socio ad intervenire e, dunque, a prendere parte al processo di formazione della volontà della società e, più in particolare, di influire su di esso”.

Seguendo l’orientamento dottrinale prevalente, inoltre, giudica non fondata l’eccezione di difetto di interesse ad impugnare, sollevata da parte convenuta, basata sulla titolarità, della parte attrice, di una quota esigua del capitale sociale, tale da non permetterle opposizioni all’approvazione.

Secondo il Tribunale, ai fini della dichiarazione di nullità, non rileva la c.d. prova di resistenza (verifica dell’entità della partecipazione del socio assente al fine di determinarne la capacità di impedire, ipotizzando l’espressione di un suo voto contrario, l’adozione della delibera contestata), poiché, ciò che conta, non è l’esito finale e la possibilità di influire sullo stesso, bensì, la possibilità di ciascun socio di influire sulla discussione assembleare.

Diversamente, “nel caso di società in cui vi è un socio di maggioranza, non si vedrebbe neppure la ragione per la quale dovrebbero tenersi le assemblee”.

Ne consegue che, la deliberazione è nulla anche nel caso in cui l’omessa convocazione sia riferita ad un socio titolare di una partecipazione che non avrebbe comunque potuto incidere sull’esito della votazione.

Per approfondire

La sentenza del Tribunale di Roma n. 19326 del 17 ottobre 2016.

 

Conferenza su vivere e lavorare nell’era digitale

Conferenza su vivere e lavorare nell’era digitale

Due ore dedicate al vivere contemporaneo, cercando di capire dove sta il meglio (e il peggio) del digitale. La conferenza sarà coordinata da Paolo Spada, curatore dell’academy (filosofo e digital strategist), con interventi di Leopoldo Caggiano (regista),  Francesco Faraci (fotografo),  Raul Montanari (scrittore), Andrea Arrigo Panato (Econopoly de ilSole24Ore), Carlo Rinaldi (Microsoft), Lorenzo Viscanti (Mapendo) Riccarda Zezza (MAAM).

Di cosa parlerò nel mio breve intervento

“Eppure se non gridi ed ascolti, se sei curioso e non giudichi questi social ti permettono di bere bene in compagnia di persone che hanno tanta storia: attori e finanzieri, consulenti ed imprenditori, scrittori e sommelier…”

Dove e quando

Giovedì 9 febbraio alle ore 16 presso Confcommercio, corso Venezia 47, Milano. La conferenza durerà due ore e trenta, dalle 16 alle 18:30, e sarà seguita da un buffet

Gli altri argomenti trattati:

  • Lo spazio digitale, cos’è, dove inizia e dove finisce, il nuovo modo di vivere interconnessi
  • Gli strumenti a disposizione e come usarli bene
  • Buone e cattive pratiche, il lato bello e cattivo del web
  • La fotografia e l’immagine come codice contemporaneo
  • La scrittura, e la rete
  • I nuovi spazi digitali per cinema, documentari e cortometraggi
  • L’uso di blog e social media per l’attività professionale
  • Cosa è una communità, come si forma, con un esempio molto particolare di successo
  • Lavori nuovi, nati grazie a Internet

Per saperne di più

Per maggiori informazioni su “Vivere e lavorare nell’era digitale”.

Iscriviti e resta aggiornato!

 

Falso in bilancio e autoriciclaggio

Falso in bilancio e autoriciclaggio

Cosa cambierà con il nuovo disegno di legge

Articolo pubblicato su Mysolution e qui riprodotto per gentile concessione dell’Editore

Il disegno di legge contenente le “Disposizioni in materia di corruzione, voto di scambio, falso in bilancio e riciclaggio” si propone di riformulare integralmente la disciplina del falso in bilancio, modificare quanto previsto dagli articoli 2621 (“False comunicazioni sociali”) e il 2622 (“False comunicazioni sociali in danno della società, dei soci o dei creditori”) del codice civile.

 

NORMATIVA ATTUALE

In materia di false comunicazioni sociali la disciplina attualmente vigente stabilisce quanto segue:

all’art. 2621, c.c.:

  • la reclusione fino a 2 anni per gli amministratori, i direttori generali, i dirigenti preposti alla redazione dei documenti contabili  societari, i sindaci e i liquidatori che commettono il fatto al fine di conseguire per sé o per altri ingiusto profitto e in modo da indurre in errore i destinatari;
  • le tre seguenti ipotesi di esclusione di punibilità:
    • le falsità o le omissioni non alterano in modo sensibile la rappresentazione della situazione economica, patrimoniale o finanziaria della società o del gruppo al quale essa appartiene;
    • le falsità o le omissioni determinano una variazione del risultato economico di esercizio, al lordo delle imposte, non superiore al 5 per cento o una variazione del patrimonio netto non superiore all’1 per cento;
    • il fatto è conseguenza di valutazioni estimative che, singolarmente considerate, differiscono in misura non superiore al 10 per cento da quella corretta.

All’art. 2622, c.c.:

  • per le società quotate sono previste:
  • la reclusione da 3 mesi a tre anni per i soggetti di cui all’art. 2621, c.c. che commettono il fatto, non soltanto in modo da indurre in errore i destinatari, ma anche arrecando un danno patrimoniale alla società, ai soci o ai creditori;
    • una pena più severa (reclusione da 1 a 4 anni);
    • la procedibilità d’ufficio del delitto;
    • la reclusione da 2 a 6 anni, nel caso in cui il fatto procura “grave nocumento ai risparmiatori”;
  • infine le stesse tre ipotesi di esclusione di punibilità previste dall’art. 2621, c.c.

 

LE NOVITÀ DEL DISEGNO DI LEGGE N. 19

Di seguito si intendono illustrare le principali novità proposte nel suddetto disegno di bilancio in tema di falso in bilancio e riciclaggio:

  • le false comunicazioni sociali oggetto dell’art. 2621, c.c. sono considerate reato di pericolo perseguibile d’ufficio. Inoltre, sono punibili con la reclusione da 1 a 5 anni, pena che consente anche le intercettazioni telefoniche;
  • per le società quotate sono previste pene più severe:
    • la reclusione da 2 a 6 anni;
    • la reclusione da 3 a 12 anni se il danno provocato è grave;
  • l’eventuale danno patrimoniale arrecato alla società, ai soci o ai creditori è una aggravante che comporta l’inasprimento della pena;
  • l’eliminazione delle cause di non punibilità;
  • l’inserimento del delitto relativo alla falsità della revisione, tra i reati-presupposto;
  • l’estensione della responsabilità da reato degli enti ai reati tributari;
  • introduzione del reato di auto riciclaggio, definito dal Consiglio superiore della magistratura come “il reimpiego e la reimmissione sul mercato di risorse provenienti da reato, da parte di chi lo abbia commesso”.

 

CONCLUSIONI

La proposta di riforma ha ampia portata e se entrasse in vigore porterebbe notevoli modifiche al nostro ordinamento, innanzitutto introducendo il reato di autoriciclaggio, il reato di falsità della revisione ed estendendo la responsabilità da reato degli enti ai reati tributari.

Inoltre, la riforma configura le false comunicazioni sociali come reato perseguibile d’ufficio non solo per le quotate, ma per tutte le società. L’unica eccezione è costituita dalle società piccole (società con attivo in 3 anni non superiore a 300mila euro, ricavi del triennio non oltre 200mila euro e debiti non oltre i 500mila euro), per cui l’iniziativa di parte è necessaria.

Certamente obiettivo della riforma è potenziare e rendere più efficaci gli strumenti a disposizione della magistratura e delle forze di polizia per contrastare sia i reati tributari e di falso in bilancio, sia il crimine organizzato.

Purtroppo per quanto gli obiettivi paiano condivisibili gli strumenti proposti per raggiungerli destano più di qualche perplessità.

Particolare preoccupazione deriva dall’assenza di previsione di ipotesi di esclusione di punibilità, meccanismo complesso e certamente migliorabile, ma che trovava la sua ragion d’essere nel non voler sanzionare le scarse alterazioni della corretta rappresentazione contabile.