Blog - Ultime notizie
I principali errori nella valutazione d'azienda delineati da Pablo Fernandez nel suo documento "Company valuation methods"

Principali errori nella valutazione d’azienda secondo Pablo Fernandez

Principali errori nella valutazione d’azienda secondo Pablo Fernandez

I principali errori nella valutazione d’azienda delineati da Pablo Fernandez nel suo documento “Company valuation methods”

In questo articolo proviamo a riassumere i principali errori nella valutazione d’azienda delineati da Pablo Fernandez nel suo documento “Company valuation methods”.

Di seguito è riportato un elenco di alcuni errori comuni che l’autore ha rilevato in più di mille valutazioni a cui ha avuto accesso in qualità di consulente aziendale o professore:

Principali errori nella valutazione d’azienda secondo Pablo Fernandez Condividi il Tweet
1. Errori nel calcolo del tasso di sconto e riguardanti la rischiosità dell’impresa
A. Tasso privo di rischio utilizzato per la valutazione: media storica, breve termine…
B. Beta sbagliato: beta storico del settore, beta dell’azienda o di aziende simili, quando il risultato va contro il buon senso. Formule sbagliate per far leva/ slevare il beta. Utilizzo del beta della società acquirente per valutare un’acquisizione.
C. Premio per il rischio di mercato richiesto errato. Utilizzo di un premio per il rischio di mercato storico. Supponiamo che sia uguale a quello atteso.
D. Errato calcolo del WACC. Definizione sbagliata. Il rapporto debito/patrimonio netto utilizzato per calcolare il WACC è diverso dal rapporto debito/patrimonio netto rapporto risultante dalla valutazione. Calcolo del WACC utilizzando i valori contabili del debito e del capitale proprio…
E. Errato calcolo del valore degli scudi fiscali. Attualizzare lo scudo fiscale utilizzando il costo del debito o il rendimento richiesto del capitale proprio senza indebitamento. 
F. Errato trattamento del rischio paese. Supponendo che un accordo con un ente governativo elimini il rischio paese. Calcoli dispari del premio per il rischio paese. Supponendo che il beta fornito da Market Guide con l’aggiustamento di Bloomberg incorpori il rischio paese, il rischio di illiquidità e il premio small cap…
G. Includere un’illiquidità, una piccola capitalizzazione o un premio specifico quando non è appropriato. Inclusi i premi dispari per le small cap e i premi per illiquidità . Compreso un premio a piccola capitalizzazione uguale per tutte le società.
2. Errori nel calcolo o nella previsione dei flussi di cassa attesi
A. Errata definizione dei flussi di cassa
1. Dimenticare l’aumento dei requisiti di capitale circolante nel calcolo dei flussi di cassa.
2. Considerare l’aumento della liquidità della società o degli investimenti finanziari come un flusso di cassa azionario.
3. Errori nel calcolo delle imposte che incidono sul FCF.
4. I flussi di cassa azionari attesi non sono pari ai dividendi attesi più altri pagamenti agli azionisti (riacquisto di azioni, …)
5. Considerare l’utile netto come un flusso di cassa.
6. Considerando l’utile netto più l’ammortamento come un flusso di cassa.
B. Errori nella valutazione delle aziende stagionali: debito stagionale, fabbisogno di capitale circolante stagionale…
C. Errori dovuti alla mancata proiezione dei bilanci. Dimenticando i conti di bilancio che incidono sui flussi di cassa. Considerare la rivalutazione di un asset come un flusso di cassa. Interessi passivi non pari a D Kd .
D. Ottimismo esagerato nella previsione dei flussi di cassa.
3. Errori nel calcolo del valore residuo
A. Flusso di cassa incoerente utilizzato per calcolare la rendita perpetua.
B. Il rapporto debito/equity utilizzato per calcolare il WACC per attualizzare la rendita perpetua è diverso dal rapporto debito/equity risultante dalla valutazione.
C. Utilizzo di formule ad hoc che non hanno alcun significato economico.
D. Utilizzo di medie aritmetiche invece di medie geometriche per valutare la crescita.
E. Calcolo del valore residuo utilizzando la formula sbagliata.
F. Supponiamo che una rendita perpetua inizi un anno prima del suo inizio reale
4. Incoerenze ed errori concettuali
A. Errori concettuali sul flusso di cassa libero e sul flusso di cassa azionario. Considerare la liquidità della società come flusso di cassa azionario quando la società non ha intenzione di distribuirla. Utilizzando flussi di cassa reali e tassi di sconto nominali o viceversa . Il flusso di cassa libero e il flusso di cassa azionario non soddisfano ECF = FCF + ΔD – Int (1-T).
B. Errori nell’utilizzo dei multipli. Multipli di valutazione in conflitto con il buon senso. Utilizzo di un multiplo da un’operazione straordinaria. Utilizzando la media dei multipli che hanno un’ampia dispersione. Usare multipli senza usare il buon senso.
C. Incongruenze temporali. I valori Equity e Enterprise non soddisfano le formule di coerenza temporale.
D. Altri errori concettuali. Non considerare i flussi di cassa derivanti da investimenti futuri. Non utilizzare le formule corrette quando il valore del debito non è uguale al suo valore contabile. Compreso il valore delle opzioni reali che non hanno alcun significato economico. Considerando che il ROE è il rendimento per gli azionisti. Sommando il valore di liquidazione odierno e il valore attuale dei flussi di cassa. Utilizzare formule ad hoc per valorizzare gli intangibles. Utilizzo dei rendimenti di mercato passati come proxy del rendimento richiesto del capitale azionario. Argomentazioni sbagliate sull’arbitraggio…
5. Errori nell’interpretazione della valutazione
A. Confondere valore con prezzo.

B. Affermare che “la valutazione è un fatto scientifico, non un’opinione”.

C. Una valutazione è valida per tutti.

D. “Un’azienda ha lo stesso valore per tutti gli acquirenti”.

E. Confondere il valore strategico per un acquirente con il giusto valore di mercato.
F. Considerato che l’avviamento comprende il valore del marchio e il capitale intellettuale.
G. Dimenticare che una valutazione dipende da un insieme di aspettative sui flussi di cassa che verranno generati e sulla loro rischiosità.
H. Affermare che “una valutazione è il punto di partenza di una trattativa ”

I. Affermare che “una valutazione è 50% arte e 50% scienza”.

6. Errori organizzativi
A. Effettuare una valutazione senza verificare le previsioni del cliente.
B. Commissionare una valutazione a una banca d’investimento senza alcun coinvolgimento nella stessa.

C. Coinvolgere solo il dipartimento finanziario nella valutazione di una società target.

 

Per approfondire

Company Valuation Methods – Pablo Fernandez

IESE Business School – Last revised: 10 May 2023