Blog - Ultime notizie
Principi di attestazione dei piani di risanamento

Principi di attestazione dei piani di risanamento

Principi di attestazione dei piani di risanamento

Pubblicata la nuova versione 2024 dei principi di attestazione dei piani di risanamento

A distanza di quasi dieci anni dall’emanazione della prima versione, il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, con la partecipazione della Fondazione Nazionale dei Commercialisti, l’Associazione Italiana dei Docenti di Economia aziendale, l’Associazione Professionisti Risanamento d’Impresa e l’Osservatorio Crisi e Risanamento delle Imprese, pubblica la versione 2024 dei Principi di attestazione dei piani di risanamento.

Pubblicata la nuova versione 2024 dei principi di attestazione dei piani di risanamento Condividi il Tweet

Principi di Attestazione dei Piani di Risanamento 2024: Novità rispetto alle Versioni Precedenti

A seguito dell’entrata in vigore del Decreto Legislativo del 12 gennaio 2019, n. 14, il quale introduce il Codice della crisi e dell’insolvenza (CCII), il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili (CNDCEC) ha proceduto a una revisione approfondita dei principi precedentemente adottati. Tale revisione ha tenuto sia delle nuove disposizioni di diretta applicazione, sia di altre recenti ipotesi di attestazione, esplicitando nuovi standards per il professionista di cui all’art. 2 lett. o) del CCII.

Similmente a quanto previsto dalla precedente legislazione fallimentare, il Codice della Crisi stabilisce che le previsioni formulate nei piani di risanamento siano validate attraverso l’intervento di un professionista indipendente e qualificato. Questo professionista è chiamato a svolgere un ruolo cruciale, attestando con significative responsabilità la correttezza dei piani di risanamento operativi o liquidatori.

L’incarico assegnato all’attestatore richiede un’accurata verifica della veridicità dei dati e della fattibilità del piano di risanamento proposto. Inoltre, il professionista è tenuto a fornire un giudizio complesso sulla convenienza della procedura di risanamento rispetto alla liquidazione giudiziale. Questo giudizio si concretizza, in certi casi, nell’attestare che il trattamento riservato ai creditori nel piano proposto non risulti inferiore a quello che avrebbero ricevuto in caso di liquidazione.

Considerati gli elementi di novità introdotti dal Codice della crisi, i Principi di attestazione sono stati arricchiti nei contenuti in più parti:

  • Nella nuova versione viene esaminata l’attività dell’attestatore negli strumenti di regolazione della crisi del gruppo di impresa cui è dedicato il paragrafo 10 dei Principi.
  • Si sono fornite le indicazioni necessarie per la valutazione della convenienza della proposta e miglior soddisfacimento dei creditori, rivedendo e ampiamente integrando il paragrafo 7
  • Si sono corredati i Principi di quattro allegati tecnici, riservando l’allegato 3 alle indicazioni per la stesura delle attestazioni previste dagli artt. 63 e 88 del Codice della crisi in tema di transazione contributiva e previdenziale.

Struttura del Documento

Il documento si articola in undici capitoli principali, oltre a quattro allegati tecnici, che coprono i vari aspetti del processo di attestazione:

  1. Profili Generali dei Principi di Attestazione
  2. Nomina e Accettazione dell’Incarico
  3. Profili Generali delle Verifiche e Documentazione
  4. Verifica sulla Veridicità dei Dati Aziendali
  5. Diagnosi delle Cause e dello Stato di Crisi
  6. Verifica sulla Fattibilità del Piano
  7. Valutazione della Convenienza della Proposta
  8. Relazione di Attestazione e Documentazione del Lavoro
  9. Attività Successive all’Attestazione
  10. Attestazioni nell’Ambito degli Strumenti di Regolazione della Crisi di Gruppo
  11. Responsabilità dell’Attestatore

Capitoli Principali

1. Profili Generali dei Principi di Attestazione

Il primo capitolo introduce il contesto normativo e le finalità dei principi di attestazione, sottolineando l’importanza di un corretto ed indipendente processo di verifica per tutelare i creditori e assicurare la fattibilità del piano di risanamento.

2. Nomina e Accettazione dell’Incarico

Questo capitolo dettaglia i requisiti necessari per la nomina dell’Attestatore, inclusi quelli di indipendenza e professionalità, e le procedure per l’accettazione dell’incarico. Si evidenzia l’importanza di un’attenta valutazione del rischio e della competenza prima di accettare l’incarico.

3. Profili Generali delle Verifiche e Documentazione

Si descrivono le verifiche preliminari che l’Attestatore deve eseguire sulla documentazione del piano di risanamento, assicurando che tutte le informazioni siano complete e accurate.

4. Verifica sulla Veridicità dei Dati Aziendali

Questo capitolo stabilisce le metodologie per verificare la veridicità dei dati aziendali, un passaggio cruciale per garantire la trasparenza e l’affidabilità del piano.

5. Diagnosi delle Cause e dello Stato di Crisi

La diagnosi accurata delle cause della crisi è fondamentale per la definizione di un piano di risanamento efficace. Viene descritto l’uso di strumenti diagnostici specifici per identificare le radici della crisi.

6. Verifica sulla Fattibilità del Piano

Si delineano le tecniche di valutazione delle ipotesi strategiche e delle previsioni economico-finanziarie del piano, inclusa l’analisi di sensitività e i test di stress.

7. Valutazione della Convenienza della Proposta

L’Attestatore deve valutare se la proposta del piano è più vantaggiosa rispetto all’alternativa della liquidazione giudiziale, fornendo un giudizio di convenienza per i creditori.

8. Relazione di Attestazione e Documentazione del Lavoro

Viene illustrata la struttura della relazione di attestazione, suddivisa in tre parti principali, e le modalità di documentazione del lavoro svolto dall’Attestatore.

9. Attività Successive all’Attestazione

Il capitolo discute le responsabilità dell’Attestatore nella fase di esecuzione e monitoraggio del piano, compresi i casi di modifiche sostanziali del piano che richiedono una nuova attestazione.

10. Attestazioni nell’Ambito degli Strumenti di Regolazione della Crisi di Gruppo

Si affrontano le specificità delle attestazioni nei contesti di crisi che coinvolgono gruppi di imprese, con particolare attenzione alla struttura dell’attestazione di gruppo.

11. Responsabilità dell’Attestatore

Vengono esaminate le responsabilità civili e penali dell’Attestatore, enfatizzando la necessità di un elevato standard di diligenza professionale.

Allegati Tecnici

Gli allegati forniscono ulteriori dettagli pratici sulle procedure di verifica di specifiche poste patrimoniali e sugli altri tipi di attestazioni speciali previste dal Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza.

Conclusione

Il documento “Principi di attestazione dei piani di risanamento” versione 2024 rappresenta un importante aggiornamento per i professionisti del settore. Fornisce linee guida dettagliate e metodologie per garantire la qualità e l’affidabilità delle attestazioni, contribuendo così al successo dei piani di risanamento aziendale. La sua adozione è essenziale per un processo trasparente e rigoroso che possa restituire fiducia ai creditori e favorire il recupero delle imprese in crisi.

Per approfondire

Link: Scarica il volume (2 MB)