Blog - Ultime notizie
L’Innovazione in Italia si rifugia (e cresce) nei salottini. Sfide e Potenzialità di Crescita delle PMI Tecnologiche

L’Innovazione in Italia si rifugia (e cresce) nei salottini.

L’Innovazione in Italia si rifugia (e cresce) nei salottini.

Sfide e Potenzialità di Crescita delle PMI Tecnologiche

“Sempre più di frequente mi capita di essere invitato a partecipare a momenti riservati di confronto tra un numero limitato di partecipanti (in prevalenza imprenditori ma anche accademici e professionisti che si trovano a coordinare – facilitatori – o sono chiamati a portare il loro punto di vista). Recentemente ho ricevuto un invito da un importante centro universitario e mi ha stupito una tale sensibilità in una istituzione più strutturata. Ciò in qualche modo conferma che dinanzi a un sistema che sembra disincentivare l’innovazione, gli imprenditori più visionari tendono a distanziarsi dalle distrazioni e dal conformismo, preferendo spazi di dialogo ristretti, in cui confrontarsi su pratiche e risultati tangibili. La tendenza è quella di favorire l’incontro e il confronto in ambienti selezionati, i “salottini”, dove gli attori sono individui altamente qualificati, riconosciuti per il loro contributo e selezionati attraverso processi di cooptazione. In questo articolo provo a spiegare il perché e a descrivere sfide e potenzialità delle PMI tecnologiche”

Nell’ambito dell’innovazione, l’Italia si confronta con sfide peculiari legate alla struttura del suo mercato e alla cultura aziendale. In particolare, le dinamiche di mercato e i supporti alla libera concorrenza risultano spesso inadeguati, con conseguente impatto negativo sul riconoscimento e sul premio all’innovazione.

Nonostante le sfide poste dall’ambiente competitivo e regolatorio crediamo che le PMI tecnologiche dotate di solide competenze manageriali ( tra gestione organizzativa e cultura del dato) e di una proattiva strategia di M&A (anche legata all’open innovation ed alle capacità di scouting di nuove tecnologie) possiedano le carte vincenti per superare gli ostacoli e cogliere le opportunità di crescita.

La capacità di queste imprese di fare da ponte tra il mondo della ricerca e quello del mercato non solo stimola l’innovazione ma contribuisce anche al rafforzamento del tessuto economico nazionale.

La presente analisi si propone di offrire una visione critica e costruttiva sul panorama dell’innovazione in Italia, stimolando un dibattito informato e propositivo tra gli attori.

L’Innovazione in Italia si rifugia (e cresce) nei salottini. Tra Sfide e Potenzialità di Crescita delle PMI Tecnologiche Condividi il Tweet

1 L’ambiente competitivo

L’ambiente competitivo è caratterizzato da una complessità multiforme, influenzato sia da fattori strutturali che culturali. Da un lato, le imprese si scontrano con una burocrazia spesso onerosa e con un sistema fiscale complesso, che possono rallentare la capacità di reazione e adattamento alle dinamiche di mercato. Dall’altro lato, affrontano la sfida di inserirsi in un tessuto economico dove le grandi imprese sono poche e prevalentemente statali e le PMI tradizionali occupano spazi significativi ma sono poco propense all’innovazione. La Pubblica amministrazione inoltre non riesce ad assumere un ruolo propulsivo né a garantire una domanda per prodotti e servizi innovativi adeguata.

Sfide dell’Innovazione in Italia

  • Carenza di Mercato e Supporto alla Concorrenza: L’assenza di un contesto di mercato favorevole e di adeguati meccanismi di supporto alla libera concorrenza limita le opportunità di innovazione. Gli operatori del settore richiedono, pertanto, un incremento di finanziamenti e agevolazioni, evidenziando una dipendenza da strumenti di sostegno esterni come i venture capital.
  • Ecosistema di Innovazione: Le startup e le imprese innovatrici non operano in isolamento ma necessitano di un ecosistema florido, costituito da università impegnate nella ricerca, imprese competitive e un mercato aperto all’innovazione trasformativa e abilitante.
L'assenza di un contesto di mercato favorevole e di adeguati meccanismi di supporto alla libera concorrenza limita le opportunità di innovazione Condividi il Tweet

L’emergere di una Nuova Cultura dell’Innovazione

  • Declino del “Circo dell’Innovazione”: Si assiste al tramonto dell’era in cui l’innovazione era spesso retorica e superficialmente legata a figure inesperte che si avvalevano di innovazioni di facile accesso, prive di sostanziali barriere all’entrata.
  • Richiesta di Concretezza: Si osserva una crescente domanda di concretezza nell’innovazione, un equilibrio tra avanzamenti tecnologici e competenze manageriali, a testimonianza della necessità di un approccio più pragmatico e orientato al risultato.

Il Passaggio dai “Social” ai “Salottini”

L’evoluzione verso la qualità richiede nuove modalità di confronto: L’innovazione diventa un impegno serio, richiedente solide basi di conoscenza e competenza. Dinanzi a un sistema che sembra disincentivare l’innovazione, gli imprenditori più visionari tendono a distanziarsi dalle distrazioni e dal conformismo, preferendo spazi di dialogo ristretti, in cui confrontarsi su pratiche e risultati tangibili. La tendenza è quella di favorire l’incontro e il confronto in ambienti selezionati, i “salottini”, dove gli attori sono individui altamente qualificati, riconosciuti per il loro contributo e selezionati attraverso processi di cooptazione.

L’Innovazione in Italia si rifugia (e cresce) nei salottini. Condividi il Tweet

2 Potenzialità di Crescita delle PMI Tecnologiche

Le Piccole e Medie Imprese (PMI) tecnologiche rappresentano una componente vitale dell’economia italiana, fungendo da catalizzatori dell’innovazione e da ponti tra la ricerca accademica e il mercato. Nonostante l’ambiente imprenditoriale possa presentare numerose sfide, queste imprese detengono potenzialità significative di crescita, merito principalmente di due fattori distintivi: le competenze manageriali avanzate, in particolare in ambito finanziario e di controllo di gestione, e la capacità di attuare strategie efficaci di Merger & Acquisition (M&A).

Competenze Manageriali e Finanziarie

La capacità di integrare solidi principi di finanza e controllo di gestione rappresenta un vantaggio competitivo decisivo per le PMI tecnologiche. Queste competenze permettono alle imprese di navigare con maggiore sicurezza in un mercato caratterizzato da incertezze e volatilità, ottimizzando l’allocazione delle risorse e migliorando la sostenibilità finanziaria. Attraverso un’efficace gestione finanziaria, le PMI sono in grado di identificare opportunità di investimento strategico, controllare i costi operativi e massimizzare i rendimenti sugli investimenti in ricerca e sviluppo.

Strategie di Merger & Acquisition (M&A)

L’abilità di implementare strategie di M&A si rivela fondamentale per le PMI tecnologiche che ambiscono a espandere la loro presenza sul mercato e ad accedere a nuove tecnologie o competenze. Attraverso operazioni di fusione e acquisizione, queste imprese possono rapidamente scalare la loro attività, integrare nuove soluzioni innovative, e accedere a nuovi segmenti di mercato. Il M&A consente inoltre di stabilire sinergie operative e finanziarie, incrementando l’efficienza e la competitività delle PMI nel panorama globale.

3 Conclusioni e Implicazioni per il Futuro

L’innovazione in Italia sta vivendo una fase di profonda trasformazione, orientandosi verso modalità di sviluppo e condivisione basate sulla qualità, l’expertise e la collaborazione mirata. Questo scenario sollecita una riflessione sulle politiche di supporto all’innovazione e sulla necessità di promuovere un ecosistema più inclusivo e stimolante, che possa favorire il dialogo tra diverse realtà imprenditoriali e accademiche.

Le PMI tecnologiche rappresentano, dunque, un elemento chiave per la trasformazione e la crescita dell’economia italiana. Il loro successo dipende dalla capacità di valorizzare le proprie competenze distintive, adottando strategie di gestione avanzate e operazioni di M&A mirate, per navigare con successo l’ecosistema imprenditoriale e contribuire in maniera significativa all’innovazione e alla competitività del paese.

Per approfondire

Ambrosetti Innovation Index, Italia ancora nelle retrovie per capacità d’innovazione

Ambrosetti Innovation Index – Il report